Dopo dieci anni il duplice omicidio di Giuliano Cortese, 48 anni, e della sua compagna Inna Abramovia, di 35, di nazionalità ucraina, uccisi a Chiaravalle Centrale, in provincia di Catanzaro, ha dei colpevoli. A fare luce sull’accaduto è stata l’inchiesta, durata tre anni e condotta dai carabinieri del Comando provinciale di Catanzaro, che lunedì mattina ha portato all’arresto di 17 persone tra presunti capi e affiliati alla cosca Iozzo-Chiefari fedele a quella dei Gallace di Guardavalle. Era il 27 aprile 2009 quando l’auto con a bordo Cortese e la moglie è stata crivellata da colpi di arma da fuoco poco distante dalla scuola materna dove la coppia aveva appena lasciato le due figlie piccole. Il duplice omicidio, secondo gli inquirenti, è da ricondurre a regolamenti interni all’organizzazione criminale, così come un tentato omicidio avvenuto nel 2005 sempre nel comune di Chiaravalle Centrale.

L’operazione del nucleo investigativo di Catanzaro, coordinato dal procuratore capo Nicola Gratteri, dagli aggiunti Vincenzo Capomolla e Vincenzo Luberto e dal pm Debora Rizza, ha svelato le attività e l’organizzazione della cosca Iozzo-Chiefari, che agiva sui territori di Torre di Ruggiero, Chiaravalle Centrale, Cardinale e aree limitrofe. Secondo l’accusa, la cosca si infiltrava nei settori dell’edilizia, del movimento terra e del commercio all’ingrosso di legname. Non solo: si “aggiudicava” i subappalti per la realizzazione di opere pubbliche, anche di rilevante entità come la strada statale “Trasversale delle Serre” e le opere legate alla festa patronale di uno dei paesi. Ad alimentare la famiglia di ‘ndrangheta erano anche i proventi illeciti delle piazze di spaccio di marijuana e cocaina. Gli affiliati agivano sul territorio con metodo mafioso: avevano la disponibilità di numerose armi, anche da guerra, e avevano generato nella popolazione locale uno stato di soggezione con conseguenti manifestazioni di omertà e accondiscendenza.

I 17 indagati sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso, associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, omicidio, tentato omicidio, coltivazione e spaccio di sostanze stupefacenti, detenzione e porto illegale di armi, estorsione, ricettazione e altro.

Giustizia di Fatto - Ottieni i i dossier e le informazioni più importanti per essere sempre informato su tutto ciò che avviene nell'ambito della Giustizia

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mafia, arrestati il figlio del boss di Mazara e un amministratore giudiziario: “Si è appropriato di soldi sequestrati che aveva in gestione”

next
Articolo Successivo

Avellino, 23 arresti per associazione mafiosa. Tra i 17 indagati c’è il segretario della Lega

next