Hong Kong e Macao indicate come città indipendenti e non parte della Cina. È la gaffe fatta da Versace che ha indicato così su alcune sue magliette e felpe le due metropoli asiatiche. Un errore che non è passato affatto inosservato e ha scatenato grandi polemiche in Cina, tanto da costringere Donatella Versace a scusarsi pubblicamente e ritirare subito dal mercato gli articoli incriminati. Dopo le accuse di Razzismo e sessismo contro la cultura cinese ai video promozionali di Dolce&Gabbana nel novembre 2018, ora è toccato a un’altra griffe italiana fronteggiare l’irritazione della Cina.

Visualizza questo post su Instagram

今年6月24號,Versace宣布首位中國代言人楊冪出任品牌代言人,但係今日楊冪及其公司向Versace 發出「解除協議告知函」,解除品牌代言人身份及停止所有合作。 原因係因為Versace所設計既一款Tour Date T-Shirt 涉嫌辱華同不尊重中國,將香港和澳門當作國家與其他國家並列,事件備受爭議。Versace T-Shirt既設計上列出多個城市及其所屬國家,並以「城市-國家」既形式排列,「Milan-ITALY」(米蘭-義大利)、「London-UK」(倫敦-英國)、「Beijing-CHINA」(北京-中國)等。但香港同澳門,就寫成「Hong Kong-HONG KONG」(香港-香港)和「Macau-MACAO」(澳門-澳門),而非「香港-中國」或者「澳門-中國」。其後Versace 馬上道歉,但仍引起大量內地網民不滿同抵制。 Versace係中國既開店數量高達116間,遠超其他國家,相信如果事件演變成D&G事件,缺少左中國既市場,後果將不堪設想。 @versace #yangmi #楊冪 #versace #versacetee #z5ssp #fashion

Un post condiviso da Z5SSP (@z5ssp) in data:


“Sono profondamente dispiaciuta per il recente sfortunato errore che è stato fatto dalla nostra azienda e che è attualmente oggetto di discussioni sui social”, scrive in un post su Instagram Donatella Versace. “Non ho mai voluto mancare di rispetto alla sovranità Nazionale della Cina – ha aggiunto – ed è per questo che ho voluto scusarmi personalmente per questo errore e per qualsiasi problema causato”. La casa di moda ha comunque fatto sapere che aveva ritirato dal mercato e poi distrutto gli abiti in questione già il 24 luglio scorso. Questo però non è bastato ad evitare ripercussioni. Oltre alle polemiche sui social, l’attrice cinese Yang Mi ha deciso di interrompere la cooperazione con Versace, accusando il brand di voler attentare all’integrità nazionale.

Il precedente di Dolce e Gabbana riguarda invece uno sport pubblicitario in cui si vedeva invece una modella cinese alle prese con un grande cannolo, un enorme piatto di spaghetti e una pizza gigante. La ragazza veniva ritratta in un momento di evidente difficoltà, mentre cercava di mangiare i cibi tipici italiani con l’uso delle bacchette. Nel video i cui era presente il cannolo, inoltre, si sentiva una voce chiedere alla ragazza dello spot: “È troppo grande per te?”. L’influente sito web di moda Jing Daily aveva pubblicato un lungo articolo in cui parlava di “caduta di tono e di gusto”. Non solo, sull’account Instagram di Stefano Gabbana erano state pubblicate anche delle frasi che si riferivano alla Cina come a una “mafia maleodorante”. Per cercare di rimediare, i due stilisti, avevano detto che i profili Instagram del marchio e di Stefano Gabbana erano stati hackerati e si erano comunque scusati ufficialmente, ma ormai la gaffe gli era comunque costata l’annullamento di un grande evento programmato per quei giorni a Shanghai e una campagna di boicottaggio da parte dei siti locali di e-commerce avevano chiesto di rimuovere i prodotti del brand, mettendo a rischio un terzo del fatturato dell’azienda.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, dopo Richard Gere scende in campo anche Antonio Banderas: “Orrore che la Open Arms non possa attraccare”

prev
Articolo Successivo

Giovanna Borbonese, è morta l’erede dell’azienda di borse in occhio di pernice

next