Travolti dalle polemiche, i fondatori di Dolce & Gabbana chiedono scusa al popolo cinese. In un video diffuso su Instagram, Stefano Gabbana e Domenico Dolce parlano del loro amore e rispetto per la cultura cinese. “Facciamo le nostre più sincere scuse al popolo cinese nel mondo intero”, afferma Gabbana. “Speriamo che il nostro fraintendimento della cultura cinese possa essere perdonato”. ”Siamo sempre andati pazzi per la Cina, l’abbiamo visitata molto. Siamo stati in molte città. Amiamo la vostra cultura“, afferma Domenico Dolce. Il video si conclude con i due che pronunciano la parola “Scusa” in cinese mandarino. Le principali piattaforme di e-commerce del Paese, comprese Tmall, JD.com, Xiaohongshu e Secco avevano rimosso dai loro siti i prodotti della casa di moda italiana dopo che lo stilista Stefano Gabbana aveva affermato in una conversazione su Instagram che la Cina è un “Paese di me..a. Il commento era giunto in reazione alle lamentele suscitate dalla campagna video della casa di moda, ritenuta anch’essa razzista, che mostrava una modella cinese, vestita con un abito Dolce & Gabbana, che tentava di usare i bastoncini per mangiare una pizza, degli spaghetti e un cannolo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Dolce&Gabbana, i prodotti del brand spariscono dai siti di e-commerce: a rischio un terzo del fatturato globale dell’azienda

prev
Articolo Successivo

“Penis facial”, ecco la “tecnica” di Kate Beckinsale, Cate Blanchett, Sandra Bullock per ringiovanire la pelle

next