Appena venti minuti dopo, però, lo stesso vicepremier ha lasciato il palazzo di via Cristoforo Colombo, senza replicare alle domande. A fornire chiarimenti ci ha così pensato il ministro Costa, smentendo un’interferenza del leader e capo politico M5s alla riunione: “Non era in riunione, è passato da me perché ieri ci siamo incontrati, siamo stati insieme fino alle 11 di sera non per la vicenda rifiuti. È passato da me semplicemente perché abbiamo firmato il decreto fonti energie rinnovabili, una firma congiunta ed è venuto qua perché c’era una firma congiunta, anche se sapeva che c’era la sindaca Raggi. Non abbiamo parlato di rifiuti, ma ci siamo presi un caffè tra due napoletani”, ha rivendicato.
Ma a smentirlo ci ha pensato, poco dopo, lo stesso Di Maio, che ha pubblicato sul proprio profilo Facebook una foto che lo ritrae con Raggi e Costa, poco prima del vertice con Zingaretti. Ma non solo. Di Maio ha pure rivendicato: “Questa mattina con Sergio Costa e Virginia Raggi. Per Romaper i romanie per tutti gli operatori Ama che in questi giorni con il caldo, l’afa e tutte le difficoltà del caso stanno ripulendo la città”
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cagliari, il neo-sindaco Paolo Truzzu resta anche consigliere regionale. Radicali: “È incompatibile”. Lui: “Lascio entro luglio”

prev
Articolo Successivo

Lo sfogo del deputato: “Parlamento bloccato per norma su patente nautica. Non è possibile, fatto grave”

next