L’accusa di sessismo da parte del sottoregretario Spadafora a Salvini per il caso della comandante Rackete? “Cosa sta a a fare al governo con me? Sta al governo con un pericoloso maschilista? Fossi in lui mi dimetterei. Non ritendendomi io razzista e maschilista non ho nulla da rispondere”. Lo ha detto il ministro dell’Interno Matteo Salvini, al Cara di Mineo (Catania), risponde alla stampa sulle accuse di sessimo e maschilismo rivoltegli dal sottosegretario Spadafora

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, vertice al Ministero con Zingaretti, Raggi e Costa: “Ora rifiuti all’estero, poi il via a nuovi impianti”

prev
Articolo Successivo

Migranti, Cacciari: “È in corso una mutazione antropologica. Discorsi sui diritti umani sono tutti andati a farsi fottere”

next