Riflettori puntati sulla legge 145, approvata lo scorso dicembre, che forse ai più non dice nulla, ma è in realtà molto importante sia per l’industria della musica dal vivo, sia per chi è appassionato di concerti e acquista i biglietti. Per combattere la rivendita attraverso canali non ufficiali di biglietti a prezzi gonfiati, il cosiddetto fenomeno del “secondary ticketing”, dal primo luglio 2019 per i grandi eventi dal vivo previsti per oltre cinquemila persone, è obbligatorio che sui biglietti ci sia nome, cognome, luogo e data di nascita di chi li ha acquistati. Valida anche fino a tre accompagnatori. Per intenderci sono concerti da oltre 5mila persone quelli negli stadi, nei nei palasport, in alcuni grandi teatri e molti degli eventi estivi in location da grandi capienze, ne sono quindi toccati tutti i big della musica italiana, per citarne solo alcuni: Vasco, Cesare Cremonini, Ligabue, Lorenzo Jovanotti, Tiziano Ferro, Laura Pausini, Alessandra Amoroso, Ultimo, Renato Zero, Fedez, fino a star internazionali come i Muse, Coldplay, U2, Metallica, Bruce Springsteen, Beyoncè. Tutti grandi nomi che (quasi sempre) programmano tour in luoghi che oltrepassano i 5mila posti di capienza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rolling Stone fa classifiche, io no. Ma ecco le mie 20 migliori canzoni italiane del millennio

prev
Articolo Successivo

Riccardo Cocciante: “Subito dopo il rogo di Notre Dame ci hanno chiesto di cantare, abbiamo preferito di no”

next