Riflettori puntati sulla legge 145, approvata lo scorso dicembre, che forse ai più non dice nulla, ma è in realtà molto importante sia per l’industria della musica dal vivo, sia per chi è appassionato di concerti e acquista i biglietti. Per combattere la rivendita attraverso canali non ufficiali di biglietti a prezzi gonfiati, il cosiddetto fenomeno del “secondary ticketing”, dal primo luglio 2019 per i grandi eventi dal vivo previsti per oltre cinquemila persone, è obbligatorio che sui biglietti ci sia nome, cognome, luogo e data di nascita di chi li ha acquistati. Valida anche fino a tre accompagnatori. Per intenderci sono concerti da oltre 5mila persone quelli negli stadi, nei nei palasport, in alcuni grandi teatri e molti degli eventi estivi in location da grandi capienze, ne sono quindi toccati tutti i big della musica italiana, per citarne solo alcuni: Vasco, Cesare Cremonini, Ligabue, Lorenzo Jovanotti, Tiziano Ferro, Laura Pausini, Alessandra Amoroso, Ultimo, Renato Zero, Fedez, fino a star internazionali come i Muse, Coldplay, U2, Metallica, Bruce Springsteen, Beyoncè. Tutti grandi nomi che (quasi sempre) programmano tour in luoghi che oltrepassano i 5mila posti di capienza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rolling Stone fa classifiche, io no. Ma ecco le mie 20 migliori canzoni italiane del millennio

next