Stretta di mano all’assemblea di Confartigianato alla Nuvola di Roma tra i due vicepresidenti del Consiglio, Luigi Di Maio e Matteo Salvini. “Il taglio delle tasse non in deficit? Si fa, certo, ma il ‘come’ non vengo dirlo a lei” commenta ai microfoni de IlFatto.it il leader della Lega, che punta dritto sulla flat tax: “Che non si faccia è un’ipotesi che non prendo nemmeno in considerazione”. Il capo politico del M5s evita le domande dei giornalisti e dal palco pone l’accento, come l’omologo leghista, sulla riduzione del cuneo fiscale: “Bisogna fare scelte coraggiose nella legge di Bilancio, e noi rivendichiamo il diritto di poterne almeno parlare”.

D’accordo, i due, anche sui pagamenti dei debiti della pubblica amministrazione: “Non mi affeziono ai nomi” spiega Di Maio, alludendo ai minibot, “ma è chiaro che lo Stato deve pagare”. Da Londra, però, arriva il secondo ‘no’ del ministro dell’Economia, Giovanni Tria, che li definisce “pericolosi e illegali”. “Se ha un’idea diversa la porti al tavolo, altrimenti si fa quello che il Parlamento ha già approvato” ribatte Salvini, riferendosi alla mozione approvata alla Camera da tutti i partiti proprio sui titoli di Stato di piccolo taglio. L’ultimo tema affrontato è quello sul carcere per gli evasori, cavallo di battaglia del M5s. “Mutuiamo le esperienze straniere, come quella degli Stati Uniti” annuncia Di Maio, “dove un grande evasore va in galera”. “Fammi portare la tassazione al 15-20%” è la replica di Salvini, “poi ne parliamo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Forza Italia, per Toti prove generali di scissione da Berlusconi: registrato il nome del nuovo partito

prev
Articolo Successivo

Salvini in Usa, Bersani: “Mai vista una visita così sdraiata con gli americani. Altro che ‘prima l’Italia’. Roba da matti”

next