Com’è facile intuire dal nome, tvOS è il nuovo sistema operativo per la Apple TV. Rispetto al predecessore presenta due novità: il supporto multiutente e quello per i controller delle console Xbox One e PlayStation 4. La multiutenza è interessante perché consente a ciascun membro della famiglia di creare e accedere alla propria Home page personalizzata. Il nuovo supporto per le console di gioco invece è un segno del fatto che Apple è interessata al gaming, e intende valorizzarlo sul dispositivo collegato alla TV di casa.

L’interfaccia è stata rinnovata quasi integralmente rispetto all’attuale versione di tvOS, non solo per svecchiarla, ma anche e soprattutto per adattarla agli schermi sempre più grandi delle TV moderne. In ambito TV non si può tralasciare Apple TV+, il nuovo servizio di streaming video di cui abbiamo parlato in questa notizia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Privacy online, svegliamoci prima che il potere sulle nostre vite finisca nelle mani di pochi

prev
Articolo Successivo

Guida automatica più intelligente e sicura grazie al progetto europeo che coinvolge l’Italia

next