L’attesa conferenza mondiale degli sviluppatori Apple avviata ieri sera a San Jose, in California, ha mantenuto le promesse. Nella conferenza di apertura sono state annunciate tutte le novità che interessano al grande pubblico. Fra conferme e sorprese, ce ne sono tantissime. Come anticipato, era scontato l’arrivo del nuovo sistema operativo Mobile iOS 13, con la Dark Mode, ma anche con un paio di chicche sul fronte della gestione della privacy e  dell’autonomia.

Hanno esordito poi le nuove versioni di WatchOS e tvOS, rispettivamente i sistemi operativi per lo smartwatch e la Apple TV, che riconfermano la volontà dell’azienda di puntare sul proprio ecosistema software, per differenziarsi dal mondo Android. Sul fronte PC esordiscono poi il nuovo sistema operativo MacOS Catalina, che tra le altre cose sopprime iTunes a favore di altre applicazioni più snelle, il nuovo PC desktop Mac Pro e lo schermo Pro Display XDR. Entrambi costosissimi, questi due prodotti si candidano come scelta non plus ultra per i professionisti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Privacy online, svegliamoci prima che il potere sulle nostre vite finisca nelle mani di pochi

prev
Articolo Successivo

Guida automatica più intelligente e sicura grazie al progetto europeo che coinvolge l’Italia

next