watchOS 6 è la nuova versione del sistema operativo per gli Apple Watch. La novità principale è che permetterà di scaricare le applicazioni direttamente dall’orologio, senza passare dall’iPhone grazie all’accesso diretto all’App Store. Si potranno cercare le app con lo schermo touch o con i comandi vocali, leggerne le descrizioni e acquistarle qualora siano a pagamento.

Esordiscono inoltre la funzionalità di tracciamento del ciclo mestruale (Cycle Tracking) e consultare i relativi grafici statistici che si troveranno nell’hub Health, e tre nuove applicazioni: Audiolibri, Note vocali e calcolatrice. Tutti gli utenti apprezzeranno poi le novità nell’ambito “sport e salute”. Grazie all’apprendimento automatico si potrà tenere traccia dei progressi in allentamenti come i percorsi in salita, il passo di marcia, il cardio fitness. L’esordiente scheda “Trends” raccoglierà tutte le informazioni per una consultazione veloce e intuitiva.

Apprezzabili inoltre i nuovi suoni che allertano sul cambio dell’ora e la funzione di riconoscimento dei brani musicali basata su Shazam.

Anche in questo caso la disponibilità del sistema operativo è sconosciuta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Privacy online, svegliamoci prima che il potere sulle nostre vite finisca nelle mani di pochi

prev
Articolo Successivo

Guida automatica più intelligente e sicura grazie al progetto europeo che coinvolge l’Italia

next