Le novità sul fronte software non sono terminate, perché Apple ha approfittato della WWDC 2019 per annunciare anche il nuovo sistema operativo per PC desktop. Il nome in codice è Catalina, formalmente viene identificato come macOS 10.15.

La novità più importante è che grazie al nuovo software si potrà usare l’iPad come schermo secondario del MacBook. E’ una comodità per chi non ha uno schermo esterno, ma ha un tablet Apple, o per chi viaggia con tablet e notebook.

Un’altra novità interessante è la possibilità di rintracciare il MacBook che è stato perso o rubato. Sfrutta un segnale crittografato e anonimo che il portatile emette anche quando lo schermo è chiuso, e che viene recepito dai dispositivi Apple circostanti, permettendo di identificarne la posizione. La novità si potrà afruttare su tutti i dispositivi equipaggiati con il chip di sicurezza T2. Sfruttando la funzione Activation Lock si potrà anche bloccare il MacBook in modo che nessuno possa accedere ai dati sensibili.

Apple ha inoltre pensato anche a chi è effetto da disabilità, predisponendo la possibilità di usare i comandi vocali per controllare il Mac, oltre che i dispositivi iOS.

La novità che sta tenendo banco negli ultimi giorni e che è stata confermata è l’eliminazione dell’applicazione iTunes così com’era concepita. Dalla prossima versione di iOS non sarà più una singola, pesantissima e ingombrante applicazione capace di fare tutto. Al posto di iTunes ci saranno tre soluzioni decisamente più gestibili: Apple Music per musica, Apple Podcasts per i podcast e Apple TV per i video e i film. Da notare che la novità arriverà sui dispostivi Mac insieme al sistema operativo, quelli Windows ne sono esclusi.

macOS Catalina è già disponibile agli sviluppatori, la beta pubblica sarà diffusa entro fine mese. La versione finale è attesa nel corso dell’autunno, e sarà compatibile con tutti i Mac introdotti da metà 2012 in poi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Privacy online, svegliamoci prima che il potere sulle nostre vite finisca nelle mani di pochi

prev
Articolo Successivo

Guida automatica più intelligente e sicura grazie al progetto europeo che coinvolge l’Italia

next