In abbinamento al Mac Pro Apple ha annunciato anche lo schermo professionale Pro Diplay XDR. È un pannello LCD da 32 pollici da 6.016 x 3.384 pixel (Retina 6K) capace di mostrare oltre 20 milioni di pixel. Pro Display XDR supporta pienamente lo standard color gamut P3 wide e mostra oltre 1 miliardo di colori.

Per evitare di riflettere la luce e ostacolare la visione dei contenuti, il Pro Display XDR ha una copertura anti riflesso e offre una nuova opzione opaca chiamata nano-texture, con il vetro intagliato a livello nanometrico per una riflettività più bassa e meno bagliori.

Il sistema diretto di retroilluminazione può produrre fino a 1000 candele al metro quadro sull’intero schermo, con picchi di 1600 candele al metro quadro. Apple assicura che lo schermo garantisce questi valori continuativamente, grazie a un sistema di raffreddamento che permette al rivestimento posteriore di dissipare adeguatamente il calore. Il rapporto di contrasto indicato è pari a 1.000.000:1.

Il Pro Display XDR è accompagnato da Pro Stand, un “braccio” di sostegno che permette di controllare precisamente il posizionamento dello schermo, sia in orizzontale sia in verticale. Apple offre anche un adattatore VESA intercambiabile con il Pro Stand. Un singolo cavo Thunderbolt 3 permette di collegare il monitor a Mac e Mac Pro, per un totale di sei monitor in cascata.

Pro Display XDR ha prezzi a partire da 4999 dollari, il Pro Stand costa 999 dollari e l’adattatore VESA costa 199 dollari.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Privacy online, svegliamoci prima che il potere sulle nostre vite finisca nelle mani di pochi

next
Articolo Successivo

Guida automatica più intelligente e sicura grazie al progetto europeo che coinvolge l’Italia

next