Apple ma messo grande enfasi sul tema della privacy. Con iOS 13, le applicazioni potranno ricevere le informazioni sulla posizione dell’utente una singola volta. In più, viene introdotta la funzionalità “Sign in with Apple”, simile a quella già vista nei login che sfruttano, ad esempio, i social network. In pratica abiliterà l’accesso ad app o servizi sviluppati da terzi ponendosi come alternativa agli ormai diffusi login tramite Facebook o Google. Tutto sarà basato sul Face ID: significa che il livello di sicurezza sarà maggiore, e che non verrà sacrificata la semplicità uso. Eliminate le password che si fatica a ricordare e gli indirizzi mail che è sempre rischioso comunicare, basterà il riconoscimento del viso per accedere al sistema e usare i propri prodotti.

Per i casi in cui la mail è necessariamente richiesta, si occuperà il sistema stesso di generare indirizzi random cifrati da associare all’utenza, così da non dover necessariamente utilizzare quella personale e da precludere l’eventualità che si possa identificare l’utente.

Gli sviluppatori sono stati invitati a integrare la nuova tecnologia sulle rispettive app o servizi. La versione beta arriverà in circolazione quest’estate, gli utenti potranno beneficiarne dalla fine dell’anno. Al momento non sono ancora chiari i dettagli del sistema, bisogna attendere la diffusione del software per poterlo testare approfonditamente.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Privacy online, svegliamoci prima che il potere sulle nostre vite finisca nelle mani di pochi

prev
Articolo Successivo

Guida automatica più intelligente e sicura grazie al progetto europeo che coinvolge l’Italia

next