Dopo avere visto le principali novità di iPadOS e iOS 13, vale la pena fare il punto sui prodotti già in circolazione che si potranno aggiornare e quelli che, invece, dovranno fermarsi alla versione attuale del sistema operativo.

Gli iPhone aggiornabili ad iOS 13

iPhone 6s, iPhone 6s Plus, iPhone SE, iPhone 7, iPhone 7 Plus, iPhone 8, iPhone 8 Plus, iPhone X, iPhone XS, iPhone XR, iPhone XS Max

Gli iPad aggiornabili ad iPadOS

iPad Air 2, iPad Air 2019, iPad Mini 4, iPad Mini 5, iPad 9.7 2018, iPad 9.7 2019, iPad Pro 9.7, iPad Pro 12.9 2015, iPad Pro 10.5, iPad Pro 12.9 2017, iPad Pro 12.9 2018, iPad Pro 11.

Tutti i prodotti che non sono inclusi nelle liste sopra non riceveranno gli aggiornamenti alle nuove versioni di iOS. Ricordiamo che da ieri sera è disponibile una versione iOS 13 solo per gli sviluppatori e per i membri iscritti all’Apple Developer Program. La prima beta pubblica sarà scaricabile entro fine giugno, mentre la versione stabile di iOS 13 arriverà in autunno assieme a quella definitiva di iPadOS.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Privacy online, svegliamoci prima che il potere sulle nostre vite finisca nelle mani di pochi

prev
Articolo Successivo

Guida automatica più intelligente e sicura grazie al progetto europeo che coinvolge l’Italia

next