Aumento della pressione e del turismo in montagna, cambiamenti climatici, frammentazione dell’habitat. Sono molti i motivi per cui la pernice bianca, abitante delle Alpi, è considerata a rischio. Così legata ai ghiacciai e alla neve delle alte quote, ha ben poche difese nei confronti del mutamento climatico e delle troppo rapide trasformazioni della montagna. Secondo una stima fatta lo scorso anno da Lipu- Birdlife Italia, oggi ne rimangono pochissimi esemplari: 5-8mila coppie a livello nazionale. Diverso è per altri paesi europei, come la Scozia, dove la popolazione di pernici non è ancora a rischio. Secondo la BirdsClim entro il 2039, nell’arco alpino oltre i 1500 metri, la pernice bianca perderà a causa dei cambiamenti climatici, il 28,12% delle aree idonee alla nidificazione, una percentuale che arriverà a quasi il 50% per il 2070.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Plastiche monouso, ok da Consiglio Ue: divieto dal 2021. Un italiano su 4 le ha già bandite. Norme più severe su imballaggi

next
Articolo Successivo

Plastica, si va verso l’addio a piatti e posate usa e getta. Ma per le bottiglie il problema è un altro

next