Aumento della pressione e del turismo in montagna, cambiamenti climatici, frammentazione dell’habitat. Sono molti i motivi per cui la pernice bianca, abitante delle Alpi, è considerata a rischio. Così legata ai ghiacciai e alla neve delle alte quote, ha ben poche difese nei confronti del mutamento climatico e delle troppo rapide trasformazioni della montagna. Secondo una stima fatta lo scorso anno da Lipu- Birdlife Italia, oggi ne rimangono pochissimi esemplari: 5-8mila coppie a livello nazionale. Diverso è per altri paesi europei, come la Scozia, dove la popolazione di pernici non è ancora a rischio. Secondo la BirdsClim entro il 2039, nell’arco alpino oltre i 1500 metri, la pernice bianca perderà a causa dei cambiamenti climatici, il 28,12% delle aree idonee alla nidificazione, una percentuale che arriverà a quasi il 50% per il 2070.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Plastiche monouso, ok da Consiglio Ue: divieto dal 2021. Un italiano su 4 le ha già bandite. Norme più severe su imballaggi

prev
Articolo Successivo

Plastica, si va verso l’addio a piatti e posate usa e getta. Ma per le bottiglie il problema è un altro

next