Sebbene nella Lista Rossa venga classificata come “a basso rischio”, l’aquila fasciata, detta “del Bonelli”, dal nome dell’ornitologo che la scoprì, è a rischio sopravvivenza, almeno in Italia. Si trova soprattutto in Sicilia e saltuariamente in Calabria, mentre dagli anni ’80 del 900 è praticamente estinta in Sardegna. Proprio per questo nel 2018 alcuni esemplari nati in Spagna sono stati liberati in natura con l’obiettivo di ripopolare l’isola. I pericoli maggiori per l’esemplare, di cui oggi si contano solo una ventina di coppie in Sicilia, sono quelli del bracconaggio e delle trasformazioni degli habitat, sempre più “umanizzati” e a rischio di incendi dolosi.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Plastiche monouso, ok da Consiglio Ue: divieto dal 2021. Un italiano su 4 le ha già bandite. Norme più severe su imballaggi

next
Articolo Successivo

Plastica, si va verso l’addio a piatti e posate usa e getta. Ma per le bottiglie il problema è un altro

next