Sebbene nella Lista Rossa venga classificata come “a basso rischio”, l’aquila fasciata, detta “del Bonelli”, dal nome dell’ornitologo che la scoprì, è a rischio sopravvivenza, almeno in Italia. Si trova soprattutto in Sicilia e saltuariamente in Calabria, mentre dagli anni ’80 del 900 è praticamente estinta in Sardegna. Proprio per questo nel 2018 alcuni esemplari nati in Spagna sono stati liberati in natura con l’obiettivo di ripopolare l’isola. I pericoli maggiori per l’esemplare, di cui oggi si contano solo una ventina di coppie in Sicilia, sono quelli del bracconaggio e delle trasformazioni degli habitat, sempre più “umanizzati” e a rischio di incendi dolosi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Plastiche monouso, ok da Consiglio Ue: divieto dal 2021. Un italiano su 4 le ha già bandite. Norme più severe su imballaggi

next
Articolo Successivo

Plastica, si va verso l’addio a piatti e posate usa e getta. Ma per le bottiglie il problema è un altro

next