Anche lui tra i protetti dall’associazione ambientalista Wwf, è una delle specie più a rischio non solo in Italia ma anche nel resto del mondo. Nonostante negli ultimi anni il lento declino a cui sembrava destinato si sia arrestato, i numeri sono comunque molto bassi. Secondo gli ultimi dati dell’Ispra, l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale, risalenti a fine 2018, oggi in Italia contiamo 293 individui, “47 branchi, 6 coppie e un solitario”, solo nelle Alpi. La specie si estende su quasi un quarto del Paese tra Appennino centrale, Alpi occidentali e centro-orientali. Anche in questo caso i canidi sono messi a rischio dall’uomo, in particolar modo, come sottolinea il Wwf, da lacci, trappole e bocconi avvelenati. Ma non solo. Anche l’ibridazione con il cane mette a rischio il patrimonio genetico del lupo.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Plastiche monouso, ok da Consiglio Ue: divieto dal 2021. Un italiano su 4 le ha già bandite. Norme più severe su imballaggi

next
Articolo Successivo

Plastica, si va verso l’addio a piatti e posate usa e getta. Ma per le bottiglie il problema è un altro

next