Anche lui tra i protetti dall’associazione ambientalista Wwf, è una delle specie più a rischio non solo in Italia ma anche nel resto del mondo. Nonostante negli ultimi anni il lento declino a cui sembrava destinato si sia arrestato, i numeri sono comunque molto bassi. Secondo gli ultimi dati dell’Ispra, l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale, risalenti a fine 2018, oggi in Italia contiamo 293 individui, “47 branchi, 6 coppie e un solitario”, solo nelle Alpi. La specie si estende su quasi un quarto del Paese tra Appennino centrale, Alpi occidentali e centro-orientali. Anche in questo caso i canidi sono messi a rischio dall’uomo, in particolar modo, come sottolinea il Wwf, da lacci, trappole e bocconi avvelenati. Ma non solo. Anche l’ibridazione con il cane mette a rischio il patrimonio genetico del lupo.

 

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Plastiche monouso, ok da Consiglio Ue: divieto dal 2021. Un italiano su 4 le ha già bandite. Norme più severe su imballaggi

next
Articolo Successivo

Plastica, si va verso l’addio a piatti e posate usa e getta. Ma per le bottiglie il problema è un altro

next