L’abitante delle nostre soffitte e grondaie, è a rischio estinzione. L’Italia ospita infatti ben 34 specie di pipistrelli e la metà di queste è considerata “a rischio”. A mettere in pericolo questi esemplari, inseriti quindi nella categoria come “vulnerabili”, è soprattutto il cambiamento del loro habitat naturale, dovuto all’utilizzo di pesticidi e all’attività umana. È il caso della nottola, già eletto “pipistrello dell’anno” nel 2017. Una specie che ogni anno migra per più di 700 chilometri, dal nord Europa fino al nostro Paese. Predilige tronchi cavi dei boschi di latifoglie e per questo, visto il disboscamento intensivo, sta perdendo il proprio ambiente naturale. Eppure mantenerla in vita è importantissimo per la regolarità degli ecosistemi. Per esempio i pipistrelli si cibano di insetti, come zanzare, formiche alate e coleotteri, e sono quindi fondamentali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Plastiche monouso, ok da Consiglio Ue: divieto dal 2021. Un italiano su 4 le ha già bandite. Norme più severe su imballaggi

prev
Articolo Successivo

Plastica, si va verso l’addio a piatti e posate usa e getta. Ma per le bottiglie il problema è un altro

next