L’abitante delle nostre soffitte e grondaie, è a rischio estinzione. L’Italia ospita infatti ben 34 specie di pipistrelli e la metà di queste è considerata “a rischio”. A mettere in pericolo questi esemplari, inseriti quindi nella categoria come “vulnerabili”, è soprattutto il cambiamento del loro habitat naturale, dovuto all’utilizzo di pesticidi e all’attività umana. È il caso della nottola, già eletto “pipistrello dell’anno” nel 2017. Una specie che ogni anno migra per più di 700 chilometri, dal nord Europa fino al nostro Paese. Predilige tronchi cavi dei boschi di latifoglie e per questo, visto il disboscamento intensivo, sta perdendo il proprio ambiente naturale. Eppure mantenerla in vita è importantissimo per la regolarità degli ecosistemi. Per esempio i pipistrelli si cibano di insetti, come zanzare, formiche alate e coleotteri, e sono quindi fondamentali.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Plastiche monouso, ok da Consiglio Ue: divieto dal 2021. Un italiano su 4 le ha già bandite. Norme più severe su imballaggi

next
Articolo Successivo

Plastica, si va verso l’addio a piatti e posate usa e getta. Ma per le bottiglie il problema è un altro

next