Greta, ma anche Francesca, Alice, Claudio e tutte le ragazze e i ragazzi dei FridaysforFuture, le manifestazioni contro il riscaldamento globale. Un’idea che nasce e si ispira proprio alle manifestazioni di Greta Thunberg, 16 anni, giovane attivista svedese che davanti al Riksdag a Stoccolma reggeva il cartello “Skolstrejk för klimatet” (Sciopero scolastico per il clima). Da quel giorno il movimento #FridaysForFuture è diventato globale: il 15 marzo 2019, giorno del primo sciopero mondiale, sono scesi in strada a protestare centinaia di migliaia di studenti in 1.700 città e in oltre cento Paesi del mondo.

Tra questi Francesca, 18 anni, studentessa del liceo linguistico, venuta a conoscenza dell’esempio di Greta grazie al passaparola: “Ho cercato la sua storia su internet e ho pensato che anche io potevo fare qualcosa per il clima. Ho deciso di scendere in piazza nella mia città, Roma, con un cartello di protesta. È stato incredibile vedere che anche altri ragazzi avevano avuto la stessa idea. Quello è stato il primo venerdì di una lunga serie di scioperi”.

Greta Thunberg, l’ispiratrice del movimento, arriverà a Roma il 19 aprile per partecipare in Piazza del Popolo a un venerdì di protesta speciale, a fianco degli studenti italiani. “Sarà un presidio, un momento di festa e di protesta – assicurano i #FridaysForFuture della Capitale – per chiedere alle istituzioni di prendere provvedimenti immediati sui cambiamenti climatici”. “Stiamo lavorando per organizzare tantissime attività – racconta Francesca – e cercheremo di coinvolgere quante persone più persone possibile”. Una delle sorprese sarà il palco che ospiterà Greta: sarà alimentato anche da biciclette. “L’energia sarà generata da 128 spettatori volontari, che con le loro biciclette agganciate a uno speciale cavalletto collegato a una dinamo, pedaleranno per tutta la durata dello spettacolo”. Un’idea già utilizzata durante i concerti dei Tete de Bois e riproposta per l’occasione. Per dare una mano alla realizzazione del palco è stata lanciata su GoFundMe una campagna di raccolta fondi.

“Faremo di tutto perché questa giornata si trasformi in un grande momento di sensibilizzazione sul tema dei cambiamenti climatici e speriamo che la politica capisca che è giunta l’ora di ascoltare gli scienziati che all’estero ed in Italia ci ricordano che non c’è tempo da perdere” dicono i #FridaysForFuture di Roma. Tra loro ragazzi del liceo, studenti universitari e anche persone adulte che vogliono lasciare ai figli un mondo migliore in cui vivere.

“Per sensibilizzare le persone dobbiamo continuare a fare quello che stiamo facendo – spiega Francesca – In questi giorni (il 13 aprile si è svolta la prima assemblea costituente di #FridaysForFuture, nda) stiamo cercando di dare una struttura e una organizzazione al movimento. Uno degli obiettivi è quello di poter fare degli incontri anche nelle scuole elementari e medie”.

“Cosa è l’ecologia? Per me è un credo – conclude Francesca – il rispetto della natura, dell’ambiente, della propria casa, di se stessi è tutto quello che abbiamo. È vita! E non una cosa lontana, apocalittica, distante. Dobbiamo farlo capire: la crisi climatica è urgente. Stiamo prendendo coscienza ma c’è ancora tanto da fare”.

Intanto i venerdì di protesta non si fermeranno e si moltiplicheranno in attesa del 24 maggio, data in cui si terrà il secondo sciopero mondiale.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Cambiamenti climatici, è una buona idea nascondere il carbonio sotto il tappeto?

next