“Sono passati dieci anni ci sono stati tentativi di depistaggi e quasi riusciti ma oggi, a distanza di tanto tempo, in questa aula di giustizia entra finalmente la verità su quella maledetta notte”. Queste le parole di Ilaria Cucchi, al termine dell’udienza a Piazzale Clodio a Roma di Francesco Tedesco nel processo Cucchi-bis. Durante la testimonianza di Tedesco “guardavo in fonda all’aula e cercavo d’incrociare gli sguardi dei miei genitori che sentivano raccontare la storia dell’uccisione del proprio figlio. In tutto questo consola che l’Arma nella persona del Comandante Generale ha deciso di schierarsi per la verità – afferma la sorella di Stefano Cucchi, che sul supertestimone aggiunge – Francesco Tedesco? “Ci vuole davvero un grande coraggio per venire qui e testimoniare. Abbiamo visto sfilare tanti carabinieri che balbettavano tanti non ricordo, spero che il segnale lanciato oggi dal Comando Generale sia un segnale forte per i colleghi dei 5 carabinieri imputati in questo processo e gli otto nel processo che spero inizierà presto”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Stefano Cucchi, premier Conte: “Governo favorevole alla costituzione di parte civile del ministero della Difesa nel processo”

prev
Articolo Successivo

Spazzacorrotti, Travaglio: “Formigoni sperava di non vedere il carcere o di starci poco, ma poi è entrata in vigore la legge”

next