Iniziò tutto al fotosegnalamento perché Stefano Cucchi “si rifiutava di prendere le impronte”. La notte del 15 ottobre 2009, quella del presunto pestaggio del geometra romano, poi deceduto una settimana più tardi all’ospedale Pertini, partì così secondo la versione fornita in aula da Francesco Tedesco, il carabiniere imputato nel processo-bis insieme ai colleghi Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro con l’accusa di omicidio preterintenzionale. Un “battibecco”, lo chiama nel suo atto d’accusa davanti alla Corte d’Assise di Roma dopo aver chiesto scusa per i nove anni di silenzi alla famiglia Cucchi e agli agenti di polizia penitenziaria finiti sotto accusa nel primo processo. Ma il litigio non finisce lì: “prosegue” fuori dalla stanza e si trasforma in altro. Un vero e proprio pestaggio, secondo la versione del carabiniere brindisino che ha rotto il silenzio: uno schiaffo violento in pieno volto, un forte calcio con la punta del piede all’altezza dell’ano e ancora una spinta con “con violenza” che provocò “una caduta in terra sul bacino“. Così Cucchi “sbattè anche la testa” e poco dopo “D’Alessandro gli diede un violento calcio all’altezza del volto”. “Una deposizione sconvolgente“, la definisce il vicepremier Luigi Di Maio.

Il racconto in aula dieci anni dopo
A quasi dieci anni dalla morte di Cucchi, Tedesco racconta tutto d’un fiato in aula la sua versione della notte in cui il 31enne venne fermato e portato nella caserma Casilina. “Non era facile denunciare i miei colleghi – ha spiegato il vicebrigadiere – Il primo a cui ho raccontato quanto è successo è stato il mio avvocato. In dieci anni della mia vita non lo avevo ancora raccontato a nessuno”. Anche a causa di un clima che in quei giorni, all’interno delle caserme, lo aveva “terrorizzato”. Perché almeno un suo superiore sapeva, Roberto Mandolini, lo “minacciò esplicitamente” e gli disse “di seguire la linea dell’Arma”. Non un consiglio, ma qualcosa di percepito come una “violenza”, una sorta di ordine che – se non rispettato – avrebbe potuto portare al suo allontanamento dai carabinieri.

video di Manolo Lanaro

“Così lo pestarono, chiedo scusa alla famiglia”
Ha raccontato tutto dopo essersi accomodato in aula e aver chiesto scusa alla famiglia Cucchi e agli agenti della polizia penitenziaria imputati nel primo processo: “Per me questi 9 anni di silenzio sono stati un muro insormontabile”, ha detto aprendo la sua deposizione. Quindi il pestaggio, quasi in presa diretta, tutto d’un fiato: “Al fotosegnalamento Cucchi si rifiutava di prendere le impronte: siamo usciti dalla stanza e il battibecco con Alessio Di Bernardo è proseguito. Mentre uscivano dalla sala, Di Bernardo si voltò e colpì Cucchi con uno schiaffo violento in pieno volto”, racconta entrando nei particolari. È l’inizio delle violenze, che proseguono: “Poi lo spinse e D’Alessandro diede a Cucchi un forte calcio con la punta del piede all’altezza dell’ano. Nel frattempo io mi ero alzato e avevo detto: ‘Basta, finitela, che cazzo fate, non vi permettete'”, racconta Tedesco. Ma la sua reazione non ferma i colleghi: “Di Bernardo proseguì nell’azione spingendo con violenza Cucchi e provocandone una caduta in terra sul bacino, poi sbattè anche la testa. Io sentii un rumore della testa che batteva. Poi D’Alessandro gli diede un violento calcio all’altezza del volto”.

Il racconto di quella notte in video

“Mandolini sapeva, il verbale era già pronto”
Tedesco – che risponde anche di falso nella compilazione del verbale di arresto e calunnia insieme al maresciallo Mandolini, all’epoca dei fatti a capo della stazione Appia – ha poi puntato il dito proprio contro il maresciallo. Secondo la sua ricostruzione, “Mandolini sapeva fin dall’inizio” quanto accaduto perché era stata la prima persona con la quale il vicebrigadiere e D’Alessandro e Di Bernardo avevano parlato. La sera stessa dell’arresto di Cucchi, dopo il pestaggio, i tre portarono il geometra presso la stazione Appia dove i colleghi sotto accusa parlarono con Mandolini di quanto era successo. “Arrivò anche Vincenzo Nicolardi (imputato anche lui con l’accusa di calunia, ndr) – aggiunge Tedesco – che parlò, solo, con Mandolini”. Quando “arrivammo alla caserma Appia in ufficio il verbale era già pronto e il maresciallo Mandolini mi disse di firmarlo” mentre “Cucchi non volle firmare i verbali”, ha spiegato il carabiniere.

“Mi disse di seguire la linea e mi minacciò esplicitamente”
“Mentre stavamo in auto per rientrare alla caserma Appia – ha aggiunto – Cucchi era silenzioso, si era messo il cappuccio e non diceva una parola, chiedeva il Rivotril”, farmaco usato per l’epilessia. Il carabiniere brindisino si è addentrato quindi nel clima di quei giorni, al centro dell’inchiesta sul depistaggio appena chiusa e che coinvolge 8 carabinieri, tra cui due ufficiali: “In quel periodo tutto passava da Mandolini per la vicenda Cucchi. Lo fermai un giorno chiedendogli cosa avremmo dovuto fare nel caso ci avessero chiesto qualcosa, ma lui mi rispose ‘Tu non ti preoccupare, devi dire che stava bene. Tu devi seguire la linea dell’arma se vuoi continuare a fare il carabiniere'”. Quelle parole, ha chiarito, venne percepite “come una minaccia abbastanza seria”. Non solo perché, aggiunge Tedesco, “la prima delle due volte che sono stato sentito dal pm, poi, venni accompagnato da Mandolini il quale non mi minacciò esplicitamente, ma mi disse sempre di stare tranquillo e di dire che Cucchi stava bene. Io, però, non mi sentivo affatto tranquillo”.

video di Manolo Lanaro

“Ero terrorizzato, solo contro un muro”
E ha quindi spiegato che in quei giorni “dire che ebbi paura è poco”. Si è definito “letteralmente terrorizzato”: “Ero solo contro una sorta di muro. Sono andato nel panico quando mi sono reso conto che era stata fatta sparire la mia annotazione di servizio, un fatto che avevo denunciato”, ha detto davanti alla Corte. “Ero solo, come se non ci fosse nulla da fare. In quei giorni io assistetti a una serie di chiamate di alcuni superiori, non so chi fossero, che parlavano con Mandolini – ha aggiunto – C’era agitazione. Poi mi trattavano come se non esistessi. Questa cosa l’ho vissuta come una violenza”.

“Quando ha parlato Casamassima non mi sono più sentito solo”
Negli scorsi mesi il pm Giovanni Musarò aveva svelato che Tedesco, nell’estate 2018, era stato ascoltato più volte dopo aver rivelato a nove anni di distanza che il geometra 31enne venne “pestato” da due suoi colleghi. Oggi Tedesco ha confermato in aula quanto ricostruito davanti ai magistrati della procura di Roma nel corso degli interrogatori.  “Io ho avuto paura perché, quando il 29 ottobre 2009 sono stato costretto a non parlare, mi sentivo in una morsa dalla quale non potevo uscire. Ho capito che il muro cominciava a sgretolarsi quando Casamassima (Riccardo, uno dei militari che ha fatto riaprire l’inchiesta) ha cominciato a parlare e non mi sono sentito più solo come prima”, ha detto in aula durante l’interrogatorio rispondendo al pm che gli chiedeva perché non avesse rotto prima il silenzio. “La lettura del capo di imputazione contro di me ha inciso sulla mia decisione di parlare”, ha aggiunto perché il pestaggio descritto “corrispondeva a ciò che avevo visto” e quando “ho letto che il pestaggio e la caduta avevano determinato la morte di Cucchi ho riflettuto e non sono riuscito più a tenere dentro questo peso”.

Ilaria Cucchi: “Finalmente la verità dopo 10 anni di menzogne”
Per Ilaria Cucchi, sorella di Stefano, con la deposizione di Tedesco “dopo dieci anni di menzogne e depistaggi in quest’aula è entrata la verità raccontata dalla viva voce di chi era presente quel giorno”. Per quanto riguarda le dichiarazioni e le intenzioni espresse dal comandante generale dell’Arma, Giovanni Nistri, in una lettera invitata alla famiglia nelle scorse settimane “ci fanno sentire finalmente meno soli, si è schierato ufficialmente dalla parte della verità”. La sorella del geometra romano prosegue: “A differenza di quello che qualcuno dei difensori ogni udienza dà ad intendere, chi rappresenta l’Arma non sono i difensori degli imputati ma è il loro comandante generale, che ora si è schierato ufficialmente dalla parte della verità”, ha aggiunto. “Sentivo il carabiniere Tedesco descrivere come è stato ucciso mio fratello – ha concluso Ilaria – e il mio sguardo cercava quello dei miei genitori che ascoltavano raccontare come è stato ucciso il loro figlio. È stato devastante, ma a questo punto quanto accaduto a Stefano non si potrà mai più negare”.

Di Maio: “Rispetto per la famiglia Cucchi e per il comandante Nistri”
La deposizione di Tedesco”è sconvolgente e restituisce dignità a una famiglia che chiede giustizia da anni”, commenta con un lungo post su Facebook il vicepremier Luigi Di Maio. Il capo politico del M5s sottolinea la necessità di “rispetto” innanzitutto per la famiglia Cucchi, “per la loro sofferenza, per la loro legittima ricerca della verità“. “E in questo senso – continua Di Maio – mando un abbraccio a Ilaria e ai suoi cari, esprimendo loro la mia vicinanza per tutte le difficoltà trascorse, per le minacce ricevute, per i momenti di dolore e di abbandono che però non li hanno mai fermati“. Il vicepremier parla di “rispetto” anche per “l’Arma dei Carabinieri, per ciò che rappresenta, per il lavoro che svolge ogni giorno a tutela della nostra sicurezza” e loda la lettera scritta dal Comandante Giovanni Nistri che ha ipotizzato di chiedere alla Presidenza del Consiglio l’autorizzazione a costituire l’Arma parte civile nel processo. “Rappresenta a mio avviso una condotta esemplare da parte di un vero uomo delle istituzioni, che non ha mai cercato consensi, né notorietà”, scrive Di Maio. “Chi si macchiò, direttamente e indirettamente, del decesso di Stefano pagherà“, continua il post, ma “non si faccia di tutta l’erba un fascio“. “Siamo tutti dalla stessa parte. Dalla parte della verità!”, conclude il vicepremier.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Processo Cucchi, la sorella Ilaria: “Lettera del generale Nistri? Mi scalda il cuore, finalmente non siamo più soli”

prev
Articolo Successivo

Cucchi, la deposizione in aula del carabiniere imputato: “Chiedo scusa alla famiglia di Stefano”

next