Sin dalla sua apertura la Fondazione Carriero ci ha abituato a grandi e inedite retrospettive di esponenti dell’arte del Novecento; un’aspettativa pienamente confermata anche quest’anno grazie alla programmazione della prima personale italiana dedicata alla firmataria del Neoconcretismo Brasiliano, Lygia Pape. Nata nel 1927 a Rio de Janeiro, nel 1959 redige con Hélio Oiticica e altri esponenti del Grupo Frente il Manifesto del Neo-Concrete Movement: un nuovo approccio espressivo basato su un sostanziale razionalismo della forma e del contenuto. Curata da Francesco Stocchi, la mostra raccoglie un’ampia selezione di opere, schizzi, disegni e sculture che ripercorrono attraverso geometrie e colori l’intera carriera dell’artista.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ma è stupendo! L’autobiografia di Diego Passoni attiva una lampadina perfino nel più mangiaprete dei lettori agnostici

prev
Articolo Successivo

Le immagini rubate dalle prove del grande ritorno di Alessandra Ferri al teatro alla Scala di Milano con la prima italiana di Woolf works

next