1951 – Nilla Pizzi

Alle origini di tutto c’è lei, Adonilla Pizzi in arte Nilla (1919-2011), bolognese di Sant’Agata e regina della canzone. Che trionfa nella prima edizione con Grazie dei fior. È anche seconda e terza in coppia con Achille Togliani, il bell’Achille seduttore di ballerine. Nilla ha una storia con lui – ne ha avuto una anche con Luciano Benevene – che fa ingelosire il maestro Cinico Angelini, datore di lavoro e amante ufficiale. Flirt e canzoni: Nilla torna a fare il pieno nel 1952, prima classificata con la patriottica Vola colomba che piace tanto alla Dc, seconda con Papaveri e papere che il Pci usa per la sua campagna elettorale, terza con Una donna prega che accontenta le parrocchie. Quando, qualche anno dopo, contende Gino Latilla alla consorte Carla Boni, Angelini la caccia dalla sua orchestra. Poco male, Nilla mantiene intatta la popolarità per tutto il decennio, poi emigra ad Acapulco dove apre un night per miliardari, tra i frequentatori c’è anche Frank Sinatra.

https://www.youtube.com/watch?v=IYsH9jgiLHE

Sanremo 2019, breve storia (pettegola quanto basta) del Festival dal 1951 al 1968

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sanremo 2019, tutte le polemiche di questa edizione: dai New Trolls con la canzone sovranista alla canzone di Guccini esclusa…

prev
Articolo Successivo

Sanremo 2019, l’anno di Claudio Bisio: il conduttore “simpatico umorista” sul palco dell’Ariston. S’intenderà con “l’altro Claudio”?

next