“Un libro che non parla della classica mafia, ma di una criminalità organizzata da colletto bianco, che ha coinvolto la più importante azienda di Stato, Finmeccanica“. Così Alessandro da Rold descrive il suo ultimo libro inchiesta “Pecunia non olet”, presentato lunedì 21 gennaio alla Feltrinelli di Milano. Il giornalista ha  ricostruito la storia di Vito Palazzolo, colui che è accusato di essere stato l’ex tesoriere di Bernardo Provenzano e Totò Riina, e che è riuscito a fare affari per conto di Finmeccanica entrando nei salotti buoni del commercio internazionale. “Ho voluto fare anche un omaggio a Falcone, che aveva indagato, negli anni ’80, sia sulle infiltrazioni della mafia nelle imprese statali, che su Vito Palazzolo.”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stragi, la procura nazionale crea tre pool di pm: ‘Fare luce su entità esterne alla mafia e al terrorismo nei delitti eccellenti’

next
Articolo Successivo

Marcello Dell’Utri, la Cassazione respinge la revisione del processo per concorso esterno in associazione mafiosa

next