La più importante operazione antimafia in Campania negli ultimi dieci anni, raccontata per la prima volta dalla voce di chi quell’operazione l’ha diretta e condotta in prima persona.

“Il giorno del giudizio – come ho catturato l’ultimo dei casalesi”, è il documentario in due puntate che racconta la cattura del latitante Michele Zagaria, boss del clan dei Casalesi, per mano del magistrato antimafia Catello Maresca e della sua squadra di investigatori. In prima tv assoluta mercoledì 9 e giovedì 10 gennaio alle 21.25 sul Nove.

È il magistrato stesso a rivelare tutti i dettagli della caccia all’ultimo dei capi della camorra: un’indagine piena di colpi di scena e depistaggi che hanno consentito di stanare Zagaria nel suo bunker il 7 dicembre del 2011. Maresca ripercorrerà i luoghi chiave e le fasi cruciali dell’investigazione – in un contesto fatto di omertà, riciclaggio di denaro, racket e omicidi – con le intercettazioni ambientali e telefoniche originali e le immagini dei pedinamenti.

Catello Maresca (Napoli, 1972): Magistrato della DDA (Direzione Distrettuale Antimafia) di Napoli. A partire dall’ottobre del 2007 si è occupato di Camorra legata al clan dei Casalesi. In particolare si è largamente dedicato alla cattura del capo del clan, il boss Michele Zagaria, latitante per 16 anni. Cattura che è avvenuta il 7 dicembre 2011. Durante i quattro anni delle indagini, il PM Catello Maresca si è dovuto immedesimare nel nemico, cambiare la propria vita, vivere sotto scorta e fare enormi sacrifici. Culminati proprio con la cattura del boss.

“Il giorno del giudizio”, un documentario di Giovanni Filippetto, prodotto da Nonpanic per Discovery Italia, a cura di Massimo Righini, scritta da Giovanni Filippetto, Gianluca De Martino e Catello Maresca, e diretta da Alessandro Tresa. Violante Bartalucci è la produttrice esecutiva Nonpanic.

Le due puntata saranno disponibili anche su Dplay. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 145 e Tivùsat Canale 9.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Piersanti Mattarella, l’omicidio 39 anni fa. Casellati e Fico: “Esempio per l’Italia”. Orlando: “Con lui iniziò il cambiamento”

prev
Articolo Successivo

Catania, l’assessore Cantarella contestato al corteo per Pippo Fava. Si è imbattuto nell’antimafia vera

next