MENOCCHIO di Alberto Fasulo. Con Marcello Martini, Maurizio Fanin, Carlo Baldracchi. Italia 2018 Durata: 104’ Voto: 3/5 (DT)

Fine ‘500, entroterra veneto. L’anziano mugnaio Domenico Scandella, detto Menocchio, finisce tra le maglie dell’Inquisizione. Detenzione, interrogatori a senso unico, minacce a parenti ed amici, ma lui persevera nell’eresia (“chi è Gesù? Un uomo”; “solo un prete conosce bene il demonio”, “il Dio dei poveri dov’è?”). L’abiura lo salverà dal rogo consegnandolo  al carcere perpetuo. Cinema sobrio e antispettacolare, incurvato su una recitazione dialettale e antica, indeciso però nel tono da tenere tra una febbrile purezza dreyeriana/bressoniana e il j’accuse politico alla Paolo Benvenuti.

INDIETRO

Film in uscita, da Senza Lasciare Traccia a Zombie contro Zombie e Notti Magiche: cosa ci è piaciuto e cosa no

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ricardo Darin, tra Oscar e teatro d’autore: “Io e Farhadi ci siamo intesi sotto il segno di Bergman”

next
Articolo Successivo

Whatsapp e i Logo, un collettivo che mette in mutande i produttori

next