SENZA LASCIARE TRACCIA  di Debra Granik. Con Ben Foster, Thomasin McKenzie, Jeff Kober. USA 2018. Durata: 108’. Voto: 4/5 (AMP)

Fuori dalle regole e fuori dal mondo: padre e figlia preadolescente vivono così, fra i boschi, riparati dagli alberi, accarezzati dalle felci. Chiamarli homeless suona erroneo “io una casa ce l’ho, è il bosco” proclama con orgoglio Tom, la ragazza dai geloni sulle dita. Ma il destino riserva cambiamenti, nel bene e nel male, altrimenti che Bildungsroman sarebbe. Di fatto, il lungometraggio numero due della talentuosa Granik (Un gelido inverno lo scioccante esordio con la deb Jennifer Lawrence..) torna su quelle “tracce” (gli homeless) ma su territori e presupposti differenti, più concettuali e spirituali. Dal romanzo My Abandonment di Peter Rock, un racconto intimo e universale, eterno ma attualissimo per l’America degli outcast contemporanei. Al centro è la voglia di libertà in quanto tale, il bisogno di fuga (da se stessi) ma anche di radici, con l’inevitabile contraddizione che questo comporta. Un film che lascia un bel sapore nell’anima.

Film in uscita, da Senza Lasciare Traccia a Zombie contro Zombie e Notti Magiche: cosa ci è piaciuto e cosa no

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ricardo Darin, tra Oscar e teatro d’autore: “Io e Farhadi ci siamo intesi sotto il segno di Bergman”

prev
Articolo Successivo

Whatsapp e i Logo, un collettivo che mette in mutande i produttori

next