ZOMBIE CONTRO ZOMBIE di Shuichiro Ueda. Con Takayoki Hamatsu, Yuzuki Akiyama, Harumi Shuhama. Giappone 2018. Durata: 96’. Voto 3,5/5 (DT)

Un set un po’ loffio, low low budget, di zombie movie viene improvvisamente ravvivato dalla casuale trasformazione di attori e mini troupe in veri morti viventi che cominciano a sbranarsi l’un l’altro. 37 minuti e quindici secondi di un unico piano sequenza gore e demenziale, film nel film che si conclude per poi dare spazio alla seconda parte in cui si scopre come il filmino è nato (idea, provini, ed excursus sulla famiglia del regista) e come è stato girato (trucchi e imprevisti fuori campo). Mise en abyme brillante (sui titoli di coda c’è il “vero” making of) ed esilarante, dove il citazionismo di genere (Romero e compagnia) non è poi così fondamentale, quanto invece contano spirito e coraggio nel credere ancora nella materia viva, pulsante e artigianale del cinema come fossimo ai tempi di Méliès. 20mila dollari di budget, venti milioni di yen incassati in Giappone. Distribuisce Tucker film dopo il trionfo all’ultimo Far East Film Festival.

INDIETRO

Film in uscita, da Senza Lasciare Traccia a Zombie contro Zombie e Notti Magiche: cosa ci è piaciuto e cosa no

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ricardo Darin, tra Oscar e teatro d’autore: “Io e Farhadi ci siamo intesi sotto il segno di Bergman”

next
Articolo Successivo

Whatsapp e i Logo, un collettivo che mette in mutande i produttori

next