“Restituite il bene confiscato alla collettività”. È questo l’appello che Libera Piemonte, insieme ad Avviso Pubblico, ha lanciato ieri sera a San Giusto Canavese. Il bene in questione è la villa di Nicola Assisi, tra i più importanti narcos italiani ancora latitante. È stata confiscata nel 2011, ma ci sono voluti sette anni per liberarla dai familiari che la occupavano nonostante la confisca definitiva. Da allora sono passati sei mesi ma nulla è stato fatto. Quest’estate ignoti si sono introdotti nel bene posizionando due bombole di gas e appiccando un incendio con l’obiettivo, per fortuna non raggiunto, di farlo saltare in aria. “Si tratta della reazione della mafia che in una versione o nell’altra manifesta tutta la sua prepotenza per dire che esiste” racconta l’ex magistrato Gian Carlo Caselli che ieri ha partecipato al flash mob organizzata da Libera. Attualmente il bene è nelle mani dell’Agenzia Nazionale dei Beni Confiscati competente per la sanificazione della struttura. Una volta sanificata sarà possibile iniziare l’iter per l’assegnazione: “Chiediamo alle istituzioni di fare la loro parte – dichiara la referente regionale di Libera Piemonte, Maria Josè Fava – perché restituire il bene alla collettività significa avere fatto un passo in avanti nella lotta alla mafia”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Reggio Calabria, confisca beni per 25 milioni a imprenditore. La Dia: ‘Contiguità con esponenti di ‘ndrangheta’

prev
Articolo Successivo

Gioco online, le mani delle mafie sul mercato delle scommesse: 68 arresti tra Reggio Calabria, Catania e Bari

next