2. Il regista innamorato

Attratto dalle profondità marine sin dai tempi di The Abyss (1989), James Cameron è il vero e proprio demiurgo di un’opera da lui curata nei minimi dettagli. Primo uomo ad aver esplorato in solitaria la Fossa delle Marianne, il cineasta americano spese cinque anni documentandosi attorno alla tragedia del Titanic, ispezionandone il luogo dell’affondamento grazie a un innovativo sistema di telecamere sviluppato dal fratello Mike – le immagini sottomarine del film sono riprese del relitto originale – e, di fatto, trascorrendo “a bordo dell’imbarcazione” molte più ore di quante non ne passarono i passeggeri originari. Oltre alle emozioni suscitate dalla terribile fine della “Nave dei sogni”, il cuore del regista conobbe però anche battiti ben più profondi sul set. Qui, infatti, incontrò Suzy Amis – Lizzy Calvert, la nipote dell’anziana Rose -, che nel 2000 divenne sua moglie.

INDIETRO

Titanic, Jack e Rose di nuovo sulla prua. Dieci cose che davvero non sapete sul kolossal con Kate Winslet e Leonardo DiCaprio

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ora e sempre riprendiamoci la vita, Silvano Agosti “filma” 10 anni di proteste, cortei e storie

next
Articolo Successivo

C’era una volta Sergio Leone, la Francia lo celebra con una mostra. “Primo regista postmoderno”

next