1. Un azzardo colossale

Quello di Titanic può sembrare oggi un successo annunciato, eppure all’epoca non erano certo pochi i dubbi che si affollavano attorno alla riuscita del film. La visionaria ambizione di Cameron, infatti, aveva costretto 20th Century Fox e Paramount ad affrontare spese di produzione inimmaginabili: dalla necessità di affiancare oltre mille comparse ai protagonisti sino all’acquisto di un’intera spiaggia del Messico. Il tutto gravato poi dal lievitare delle riprese, che si protrassero per oltre 160 giorni a fronte dei “soli” 138 preventivati. Per avere un’idea dell’entità dell’impegno economico, tenendo conto dell’inflazione, i cantieri di Belfast impiegarono circa 150 milioni di dollari per la costruzione del transatlantico varato nel 1912. La pellicola ne richiese 50 in più.

INDIETRO

Titanic, Jack e Rose di nuovo sulla prua. Dieci cose che davvero non sapete sul kolossal con Kate Winslet e Leonardo DiCaprio

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ora e sempre riprendiamoci la vita, Silvano Agosti “filma” 10 anni di proteste, cortei e storie

next
Articolo Successivo

C’era una volta Sergio Leone, la Francia lo celebra con una mostra. “Primo regista postmoderno”

next