L’8, il 9 e il 10 ottobre torna al cinema Titanic. Vent’anni dopo la prima proiezione in Italia – era il 16 gennaio 1998 e restò in sala per oltre sei mesi, divenendo il primo titolo ad arrivare in home video pur essendo ancora in cartellone -, il kolossal di James Cameron è pronto a far rivivere al suo pubblico le stesse emozioni del primo bacio tra Leonardo DiCaprio e Kate Winslet e a commuovere gli spettatori di una storia che va a stuzzicare tanto le corde del racconto romantico quanto quelle del dramma più cupo.

Nutrito da un cast illuminato da giovani stelle in rampa di lancio e diretto da un regista capace di coniugare forma autoriale e incassi da blockbuster, il kolossal americano ha saputo stregare Hollywood e il mondo intero, stracciando record e biglietti: 14 candidature – primo in compagnia di Eva contro eva (1950) e La La Land (2016) – di cui 11 portate a casa – vetta condivisa con Ben Hur (1959) e Il Signore degli Anelli – Il ritorno del re (2003) – e maggior incasso della storia – 2.186.772.302 di dollari – sino all’arrivo di Avatar (2009) dello stesso Cameron.

Per celebrare il ritorno sul grande schermo di quello che può senza dubbio essere considerato il più grande melodramma degli anni Novanta – nonché una delle massime espressioni del cinema popolare (nel senso più nobile del termine) del XX secolo, un indimenticabile terremoto visivo ed emotivo – abbiamo deciso di raccogliere dieci, imperdibili curiosità sul film e sulla sua realizzazione.

Titanic, Jack e Rose di nuovo sulla prua. Dieci cose che davvero non sapete sul kolossal con Kate Winslet e Leonardo DiCaprio

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ora e sempre riprendiamoci la vita, Silvano Agosti “filma” 10 anni di proteste, cortei e storie

next
Articolo Successivo

C’era una volta Sergio Leone, la Francia lo celebra con una mostra. “Primo regista postmoderno”

next