“La prima azione del depistaggio sulla strage è rappresentata dal furto dell’agenda rossa. E a rubarla non possono essere stati i boss di Cosa nostra“. Dopo il rinvio di cinque giorni fa, Nino Di Matteo è comparso davanti al Consiglio superiore della magistratura. L’audizione del sostituto procuratore della Direziona nazionale antimafia era stata fissata il 12 settembre scorso. Il pm del processo sulla Trattativa tra pezzi dello Stato e Cosa nostra, però, ha inviato una lettera a Palazzo dei marescialli per chiedere che la seduta fosse pubblica e non segreta. Una richiesta che ha fatto slittare la sua convocazione per parlare delle indagini che indagini che hanno portato, immediatamente dopo la morte del magistrato Paolo Borsellino e dei cinque agenti di scorta, al depistaggio culminato con il falso pentito Vincenzo Scarantino.

“Siamo a un passo dalla verità” – “Sulla strage di via d’Amelio siamo a un passo dalla verità. Mai come ora siamo vicini alla verità. E questo grazie a me e ad altri magistrati. Non è vero che in 25 anni non si è mai fatto niente. Ci sono 26 condanne. Mai messe in discussione e non interessate dal processo di revisione. Il pericolo che io intravedo oggi è che tutto il dibattito si concentri solo sulla gestione del falso pentito Scarantino. Gli elementi che abbiamo oggi portano a circostanze che potrebbero essere chiarite in via definitiva”, ha detto Di Matteo. Che ha spiegato il suo ruolo nei vari processi celebrati sulla strage. “Il primo processo Borsellino non l’ho seguito io e del bis mi sono occupato solo della fase dibattimentale. E non è vero che quel processo é basato solo sulle dichiarazioni di Scarantino”,  ha detto Di Matteo al Csm. “Noi ci siamo resi conto che l’attendibilità di Scarantino era limitata , tant’è che nei confronti di 3 dei 7 soggetti chiamati in causa da Scarantino abbiamo chiesto l’assoluzione e lui non lo abbiamo inserito tra i testi”, ha aggiunto il magistrato. Il Borsellino bis, infatti – dove Di Matteo rappresentava la pubblica accusa insieme ad Annamaria Palma – è quello depistato dalle dichiarazioni di Scarantino. E poi diventato oggetto di un processo di revisione, dopo le dichiarazione di Gaspare Spatuzza, che ha ricostruito la fase esecutivo dell’eccidio.  “La strage di Via D’Amelio- dice Di Matteo – è in Italia quella con il più alto numero di condannati. Non è giusto che questi magistrati siano oggi accostati a depistaggi e questa accusa è strumentale a chi non vuole che si vada avanti” ha detto sempre Di Matteo, parlando di “prezzi altissimi” pagati da lui stesso e dai suoi familiari per l’accertamento della verità. Per quelle false dichiarazioni che inquinarono le prime indagini su via d’Amelio sono recentemente finiti accusati di calunnia tre poliziotti: il questore Mario Bo, sugli ispettori Fabrizio Mattei e Michele Ribaudo.

di Alberto Sofia

“Depistaggio cominciò con furto agenda rossa” – Il pm della Trattativa Stato-mafia si è poi soffermato su uno dei tanti interrogativi rimasti senza risposta sulla strage del 19 luglio 1992. “Non c’è alcun dubbio che Paolo Borsellino tenesse un’agenda rossa che gli era stata regalata dai carabinieri e che quel giorno l’avesse con sé. Non c’è alcun dubbio che avesse annotato con particolare ansia circostanze che aveva scoperto, cose molto gravi”, ha detto Di Matteo mettendo in fila gli avvenimenti di quell’estate di ventisei anni fa e contenuti nella motivazioni della sentenza sul Patto tra pezzi delle Istituzioni e Cosa nostra. “E non c’è alcun dubbio che in quel momento c’era una trattativa tra il Ros e Riina con l’intermediazione e Ciancimino. Oggi si sa anche che Borsellino il 15 luglio aveva parlato alla moglie di un alto ufficiale del Ros che prima gli era amico. I mafiosi hanno fatto la strage ma il furto dell’agenda rossa non può essere stato fatto da chi ha premuto il pulsante”. Per questo motivo, ha concluso il magistrato “per arrivare alla verità sulla strage di Via D’Amelio la prima cosa da approfondire e il furto dell’agenda rossa sulla quale lui scriveva cose molto gravi, parole sue”.

“Sentite Boccassini” – Il pm ha poi polemizzato, in un certo senso, con i consiglieri. “Non ho visto chiamare qui i magistrati che hanno fatto le indagini che hanno portato all’arresto di Scarantino”, ha detto facendo i nomi di Ilda Boccassini, Fausto Cardella e Francesco Paolo Giordano. Erano loro che si occuparono delle prime indagini sulla strage di via d’Amelio e con lui giovane pm, dice Di Matteo, loro nemmeno parlavano. “Non ho mai parlato nemmeno con La Barbera” allora a capo del pool investigativo, “ci tiene a precisare il pm. E il presidente della Prima Commissione, Antonio Leone, ha replicato: “Non abbiamo voluto scegliere qualcuno ed escludere qualcun’altro. Il completamento della fase preistruttoria aveva previsto la fisiologica audizione dei magistrati Fausto Cardella, Francesco Paolo Giordano, Roberto Saieva, Ilda Boccassini. Questo programma istruttorio potrà essere concluso dalla prima Commissione nella prossima consiliatura”. Il depistaggio di via d’Amelio, dunque, sarà tra i primi atti sul tavolo del nuovo Consiglio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Le parole di Papa Giovanni Paolo II contro la mafia nel 1993: “Convertitevi, un giorno verrà il giudizio di Dio”

prev
Articolo Successivo

‘Ndrangheta Emilia, ‘infiltrazione omeopatica. Scuola ha detto no a iniziative su strage di Capaci’. Commissario: ‘Lasciati soli’

next