Le infami e irresponsabili dichiarazioni di Donald Trump che qualche mese fa ha avallato il trasferimento della capitale israeliana a Gerusalemme – hanno dato il là a un nuovo massacro di spaventose dimensioni. Almeno 60 sono i palestinesi uccisi. L’ordine categorico delle autorità politiche e militari israeliane è quello di sparare per uccidere chiunque si avvicini alla linea di separazione fra Gaza e il territorio israeliano. Il giornale indipendente El riporta che, secondo un responsabile militare israeliano, tale ordine riguarda anche i bambini, la piccolezza dei cui corpi impedisce di prendere la mira per non colpire organi vitali. E infatti sono almeno sei i minori caduti solo in queste ultime ore sotto il piombo israeliano.

Si tratta dell’ennesimo crimine di guerra e contro l’umanità a carico di Benjamin Netanyahu. Quest’ultimo si avvale del resto delle sostanziali complicità dell’Occidente e di parte dello stesso mondo arabo, con in testa l’Arabia Saudita, che nello Yemen si rende a sua volta colpevole da tempo di analoghi massacri. La dissociazione della stragrande maggioranza della comunità internazionale dalle evidenti provocazioni di Trump e Netanyahu, che ne ha determinato l’innegabile isolamento politico, non riesce a tradursi in una politica coerente.

Ci troviamo di fronte a un terrorismo di Stato da tempo ormai conclamato, alla continua commissione di crimini di guerra e contro l’umanità, alla negazione dei più elementari diritti dei palestinesi, alla violazione palese del diritto internazionale e delle risoluzioni delle Nazioni Unite.

Trump e Netanyahu continuano con le loro scelte scellerate ad innaffiare la pianta dell’odio e dell’ingiustizia. Lo fanno per meschini calcoli personali, sperando in tal modo di distogliere le rispettive opinioni pubbliche dai propri non lievi guai giudiziari. Ma, oltre a commettere e avallare i crimini, gettano in tal modo le basi per nuove guerre e scontri di inciviltà.

Se esiste un’opinione pubblica democratica è bene che si levi subito in tutti i Paesi del mondo, compresi gli Stati UnitiIsraele, per chiedere la fine immediata dei massacri, dell’apartheid, della pulizia etnica perpetrati da Netanyahu e l’apertura altrettanto immediata di un giudizio davanti alla Corte penale internazionale per i responsabili politici e militari israeliani. Il governicchio Salvimaio, se mai verrà in essere, dimostri con i fatti di volere effettivamente la pace e di non essere l’ennesimo governo italiano servo di Washington.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Gaza, “61 morti: c’è bimba di 8 mesi”. Turchia espelle ambasciatore di Israele e Usa bloccano inchiesta dell’Onu

next
Articolo Successivo

La giornalista a tu per tu con la morte: i cecchini israeliani la prendono di mira prima della diretta tv e lei rischia grosso

next