LA MELODIE di Rachid Hami. Con Kad Merad, Samir Guesmi, Alfred Renely. Francia 2017. Durata: 102’ Voto 4/5 (DT)

Una scuoletta un po’ sgangherata e periferica di Parigi. Un progetto speciale di insegnamento del violino per una classe indisciplinata dove si mescolano origini geografiche e contrasti individuali da bulli, e un obiettivo finale: un concerto alla Filarmonica di Parigi. Ad aiutare i ragazzini arriva Simon, silenzioso e dimesso violinista di pregio che dapprima non riesce a calibrare disciplina e concentrazione con la strabordante aggressività degli alunni, poi di fronte agli occhioni sinceri e puri di Abou, un bimbo di un’altra classe che vuole a tutti i costi suonare con i compagni, diffidenza e rabbia si sciolgono in una logica integrazione tra pari. Che favola, che poesia, che musica. La Melodie è un colpo al cuore di rara umanità. Il regista Hami ha una storia densa e toccante da raccontare ma ha anche in mano la bomba dell’adolescenza e il rischioso cliché dell’adulto/insegnante alla professor Keating. E niente: Hami mette in ordine tutti i fattori e lascia perfino che una dose di tecnica e di cura espressiva s’impossessi della sua messa in scena, con una macchina da presa spesso a mano dentro interni impervi con violini stridenti, e una vivacità nell’aprirsi e cogliere la naturalezza di sguardi dei bambini e degli adulti. Il messaggio arriva forte e chiaro: quando si è tutti imbestialiti dalla quotidianità del caos, solo in gruppo, insieme, creando una comunità con ruoli definiti e rispetto l’uno dell’altro si possono superare gli ostacoli della vita e si può persino sognare. Merad, star commerciale della commedia francese, mostra cosa significhi la doppiezza tragica del comico.

Film in uscita al cinema, cosa vedere e non nel fine settimana del 27 aprile

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Loro 2, ecco il trailer della seconda parte del film di Paolo Sorrentino

prev
Articolo Successivo

A Beautiful Day, Joaquin Phoenix: “Ho recitato con i tamburi nel cervello”

next