Per chi dopo Loro 1 ha subito detto, per non offendere nessuno, aspettiamo il secondo, ecco, visto il trailer di Loro 2 pare che la musica non cambi. Silvio e Veronica, Veronica e Silvio. Paolo Sorrentino si è impossessato del tinello della villa sarda dell’ex premier e non la molla più. Dal minutino e sedici del trailer, distribuito in queste ore dalla Universal, intravediamo durante la notte Berlusconi e la Lario silenziosi che guardano nel vuoto seduti su una golf buggy. Poi ancora il ritorno di qualche carrellata laterale al ralenti con sempre Berlusconi soggetto/oggetto protagonista, la Lario che si specchia nella penombra, lui in piedi nel buio del cucinotto, lei quasi sogghignante con una tazza in  mano a bordo piscina. Le note di Fortunate Child della band indie folk Villagers vengono interrotte dalla voce fuori campo di Elena Sofia Ricci/Veronica: “Silvio ma non hai capito perché sono tornata? Sono tornata solo per dirti che chiudo il sipario della mia vita coniugale con te”. Insomma per ora chi si aspettava le accelerate scorsesiane della prima parte di Loro 1, o qualche approfondimento della famosa corte dei miracoli capitanata da Tarantini/Scamarcio che saltella attorno a B. rimarrà a bocca asciutta. Sappiamo però che Sorrentino riserva sempre sorprese, quindi basta attendere giovedì 10 maggio 2018 quando Loro 2 sarà in sala. Intanto per Loro 1 nel primo giorno di programmazione – 24 aprile – è stato primo posto al box office con 249.276 euro, a cui è seguito l’ottimo risultato del 25 aprile con 418.708 euro (totale di oltre 650mila euro in due giorni) proprio nella giornata dell’exploit di Avengers – Infinity War che ha esordito col botto di quasi tre milioni di euro.

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Avengers: Infinity War, in sala l’ultimo attesissimo film Marvel che festeggia i 10 anni

prev
Articolo Successivo

Film in uscita al cinema, cosa vedere e non nel fine settimana del 27 aprile

next