Restando al Movimento Cinque Stelle, ce l’ha fatta in Sicilia la candidata senza volto, che ha dovuto tenere nascosto perché testimone di giustizia nella terra dell’ultimo padrino di mafia latitante, Matteo Messina Denaro. Nel collegio uninominale di Marsala, Piera Aiello ha stravinto con oltre il 51% distaccando di 20 punti Tiziana Pugliese di Forza Italia e l’uscente Pamela Orrù del centro sinistra ferma al 13,5. La neo-parlamentare ha vissuto così per 26 anni, immersa nell’anonimato in una località segreta. Ora potrà mostrarsi in Parlamento ma con tutte le cautele del caso. La storia di Piera Aiello, vedova del figlio di un boss e cognata della collaboratrice Rita Atria morta suicida, è quella di una donna che si è ribellata alla mafia denunciandone traffici, affari e delitti. Niente da fare, invece, per l’imprenditore Piero Masciari, che denunciò la ‘ndrangheta: nel collegio di Settimo Torinese, è stato battuto da Maria Virginia Tiraboschi del centrodestra.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Risultati elezioni 2018: Di Maio fa il pieno al Sud, Matteo Salvini al Nord. Crollo Pd in Emilia Romagna – DIRETTA

next
Articolo Successivo

Elezioni 2018, gli italiani si sono dimostrati maturi. Ora lo facciano anche i cinquestelle

next