La debacle dei big riguarda anche Liberi e Uguali: l’ex procuratore capo di Palermo e della Dna e presidente uscente del Senato Pietro Grasso si ferma al 5,81 a Palermo, Massimo D’Alema al 3,9 nel suo Salento. Stop alla Camera per Laura Boldrini, al 4,60 a Milano centro, e per Pier Luigi Bersani, al 4 % a Verona, ripescato al proporzionale. Il presidente uscente del Senato arriva solo quarto, come la presidentessa della Camera che si piazza alle spalle di a Bruno Tabacci, Cristina Rossello e Bonisoli.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Risultati elezioni 2018: Di Maio fa il pieno al Sud, Matteo Salvini al Nord. Crollo Pd in Emilia Romagna – DIRETTA

prev
Articolo Successivo

Elezioni 2018, gli italiani si sono dimostrati maturi. Ora lo facciano anche i cinquestelle

next