Mezzo governo Gentiloni perde le sfide negli uninominali. I renziani se la cavano nelle roccaforti. Luigi Di Maio sfonda quota 60% nella sua Pomigliano d’Arco. Lorenzo Fioramonti, indicato come ministro dello Sviluppo economico di un eventuale governo M5s, straccia Matteo Orfini a Roma Torre Angela. Ma, nonostante l’exploit del Movimento, non ce la fanno altri cinque candidati ministri del “governo ombra” pentastellato: il deputato uscente Riccardo Fraccaro, scelto per i Rapporti con il Parlamento e democrazia diretta, l’aspirante ministro della Giustizia Alfonso BonafedeDomenico Fioravanti (possibile titolare dello Sport), Paola Giannetakis, indicata per gli Interni, e Alberto Bonisoli, scelto per i Beni culturali. Per il centrodestra esce di scena Roberto Formigoni. La mappa delle sfide testa a testa (qui quella complessiva) mette insieme risultati inattesi e decapita la leadership di diversi big di partito, non solo del Pd. Massimo D’Alema viene cancellato nel proprio seggio, battuto da Barbara Lezzi. Pietro Grasso e Laura Boldrini si salvano invece grazie al paracadute del proporzionale, così come il viceministro Teresa Bellanova che riesce a farsi eleggere in Emilia Romagna dopo la sconfitta all’uninominale. Tra gli esponenti della società civile più noti candidati dai dem ce la fa solo l’ex condirettore di Repubblica Tommaso Cerno, che sfrutta la ‘tenuta’ del partito a Milano. Dove Bruno Tabacci vince a mani basse nel collegio del centro città contro l’avvocatessa di Berlusconi Cristina Rossello, a dispetto del risultato deludente della sua lista +Europa. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Risultati elezioni 2018: Di Maio fa il pieno al Sud, Matteo Salvini al Nord. Crollo Pd in Emilia Romagna – DIRETTA

prev
Articolo Successivo

Elezioni 2018, gli italiani si sono dimostrati maturi. Ora lo facciano anche i cinquestelle

next