Senza eletti probabilmente nel proporzionale per il mancato raggiungimento del 3 per cento, la lista +Europa riesce comunque a portare al Senato Emma Bonino, che nel collegio senatoriale di Roma 1 ottiene il 38,91 per cento battendo il candidato del centrodestra Federico Iadicicco (Fdi), impegnato sul fronte ‘pro-life’, fermo al 32. Sempre nella capitale, nel collegio Camera di Roma 10, passa Magi con poco più del 32% battendo la candidata di centrodestra Olimpia Tarzia, presidente nazionale del Comitato per la Famiglia nato in occasione della preparazione del primo Family Day. Per entrambi gli esponenti radicali una vittoria su due competitor con forte caratterizzazione cattolica. Sconfitta invece per il sottosegretario agli Esteri Benedetto Della Vedova, che nel collegio Camera di Prato si ferma al 33 per cento, battuto da Giorgio Silli, esponente di Forza Italia, schierato sui temi dell’immigrazione, che arriva al 34,59. Infine vittoria per Tabacci nel collegio di Milano centro con il 41,23, battendo la legale di Berlusconi Cristina Rossello.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Risultati elezioni 2018: Di Maio fa il pieno al Sud, Matteo Salvini al Nord. Crollo Pd in Emilia Romagna – DIRETTA

prev
Articolo Successivo

Elezioni 2018, gli italiani si sono dimostrati maturi. Ora lo facciano anche i cinquestelle

next