Un altro pilastro renziano che crolla è quello della società civile. I principali “vip” candidati dal segretario del Pd perdono i testa a testa nei propri collegi. Il risultato migliore lo consegue Tommaso Cerno: l’ex condirettore di Repubblica conquista il seggio al Senato con il 40 per cento a Milano, superando Luigi Pagliuca del centrodestra. Malissimo invece al Sud sia Francesca Barra e Paolo Siani. La notista lucana racimola appena il 18,8% in Basilicata, giungendo terza, mentre il medico napoletano, fratello del giornalista ucciso dalla Camorra, raccoglie circa il 21% dei voti venendo superato da Doriana Sarli del M5s. Sconfitta anche Lucia Annibali a Parma, dove il seggio viene conquistato dal centrodestra con Laura Cavandoli: l’avvocatessa candidata dal Pd ha raccolto il 30,4% delle preferenze contro il 35,1 della sua avversaria. Sia Siani sia la Annibali sono però stati ripescati al proporzionale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Risultati elezioni 2018: Di Maio fa il pieno al Sud, Matteo Salvini al Nord. Crollo Pd in Emilia Romagna – DIRETTA

next
Articolo Successivo

Elezioni 2018, gli italiani si sono dimostrati maturi. Ora lo facciano anche i cinquestelle

next