Sta per cominciare l’88esima edizione del Salone di Ginevra, che sarà aperta al pubblico dall’8 al 18 marzo. Vi esporranno 180 marchi, verranno presentate oltre 100 anteprime mondiali ed europee e saranno oltre 900 i modelli presenti. Preventivati circa 700 mila visitatori (10% italiani), pronti a calcare 106 mila metri quadrati di spazi espositivi completamente saturi. Di seguito una piccola rassegna in ordine alfabetico dei modelli da non perdere, cominciando da una grande berlina made in Germany: l’Audi A6.

Lunga 4,94 metri, la grande tedesca si distingue per le nuove motorizzazioni benzina e diesel con tecnologia mild-hybrid, che consente di limitare consumi ed emissioni inquinanti: l’alternatore opera sia come motorino di avviamento che come sistema di recupero energetico. Le potenze vanno da 204 a 340 Cv. Rivoluzionati gli interni, dove spiccano 3 display dedicati alla strumentazione e all’infotainment. A seconda delle versioni ci sono la trazione integrale, le ruote posteriori sterzanti e le sospensioni pneumatiche. La nuova A6 può parcheggiare da sola in strada o nel garage, ha il cruise control adattivo che può anche affrontare il traffico in colonna, mantiene da sola la propria corsia di marcia e annovera la frenata automatica di emergenza con riconoscimento pedone. Prezzi da 51 mila euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sicurezza stradale, in 10 anni deceduti 8.000 bambini e ragazzi in Europa

prev
Articolo Successivo

Saloni dell’auto? La minaccia viene dalla tecnologia. E Ginevra si allea con Berlino

next