Negramaro 7+

Sono i soli a non essere usciti con le ossa rotte dal duetto con il direttore artistico. Il delizioso “pizzo” che Baglioni impone a quasi tutti gli ospiti stavolta è stato pagato con una riuscita rilettura di “Poster”. Al confronto il nuovo singolo dei salentini, “La prima volta”, è acqua fresca, però vuoi mettere eseguirlo da superospiti in quell’Ariston che agli esordi li bocciò?

James Taylor e Giorgia 9

Il loro intreccio su “You’ve got a friend” è stato di sontuosa bellezza: nella sua semplicità, uno dei picchi assoluti di questo festival. Due domande: perché a Giorgia non è stato chiesto di fare anche qualcosa di suo, magari da sola? E perché il sognatore Taylor si è avventurato su una spiazzante versione folk de “La donna è mobile”? Per alcuni interminabili istanti abbiamo temuto rientrassero i tenorini de Il Volo per aggiungere la parte lirica.

INDIETRO

Sanremo 2018, le pagelle di Stefano Mannucci terza serata: il gerontocomio Pooh colpisce ancora, Meta Moro restano canditati fortissimi

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanremo 2018, le pagelle di Martina dell’Ombra terza serata: Claudio Baglioni pronto al lancio nucleare, salvate il soldato Favino

next
Articolo Successivo

Sanremo 2018, la scaletta della quarta serata: i duetti dei cantanti in ordine di uscita, gli ospiti e Matteo Salvini in platea con la Isoardi (violerà la par condicio?)

next