Facchinetti e Fogli 2

E niente, il gerontocomio Pooh è come l’Hotel California degli Eagles, “trovi una stanza quando vuoi ma non potrai mai andartene”. Roby ormai sminuzza anche l’italiano pur di sgolarsi. Canta la parola “muAri” al posto di “muori” e “cuAre” anzichè “cuore”. Peccato sia tardi per rinforzare la squadra, altrimenti avrebbero potuto ingaggiare (a parametro zero) Memo Remigi, che ieri sera pareva più tonico e arzillo di questa anziana coppia.

Lo Stato Sociale (e Paddy) 7+

Perché c’è vecchiaia e vecchiaia. Dovessero mai sbancare il festival, questi ragazzotti arruffapopoli dovrebbero fare una statua alla signora Paddy Jones, che alla seconda uscita sul palco si è beccata un’ovazione. A guardarla piroettare in quel modo, sembrerebbe esserci speranza per tutti. Ma non provateci a casa.

Sanremo 2018, le pagelle di Stefano Mannucci terza serata: il gerontocomio Pooh colpisce ancora, Meta Moro restano canditati fortissimi

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanremo 2018, le pagelle di Martina dell’Ombra terza serata: Claudio Baglioni pronto al lancio nucleare, salvate il soldato Favino

next
Articolo Successivo

Sanremo 2018, la scaletta della quarta serata: i duetti dei cantanti in ordine di uscita, gli ospiti e Matteo Salvini in platea con la Isoardi (violerà la par condicio?)

next