Molto prima degli spari di Luca Traini sono arrivate le manifestazioni cariche di simbologia e slogan ispirati al nazifascismo come No Ius Soli, Marcia per la patria o presidi anti Rom. Ci sono state le ronde, anzi “passeggiate per la sicurezza” come vengono definite dai promotori. Al Tiburtino III o sul litorale di Ostia. A mettere in fila gli episodi registrati negli ultimi mesi vengono i brividi. E la memoria corre all’incursione del Veneto fronte skinhead nella sede dell’associazione Como senza frontiere. Come alla successiva manifestazione di Forza Nuova sotto la sede di Repubblica.

Dalla fine del Ventennio gli echi del fascismo non hanno mai veramente cessato di risuonare. Anche in maniera violenta. Ma mai come in questo momento si sono fatti assordanti. Mai come in questo periodo hanno raccolto consensi, facendo breccia nell’opinione pubblica. Facendo leva sulle paure degli ultimi, traggono forza dagli umori delle classi disagiate, si insinuano nelle periferie urbane e negli angoli dimenticati dell’Italia provinciale.

L’estrema destra del nuovo millennio si nota nell’indifferenza come nella spavalderia delle posizioni pubbliche assunte dai movimenti di ispirazione neo e post-fascista. Così per Luca Castellini di Forza Nuova “alla gente non gliene frega un cavolo del fascismo e dell’antifascimo”. Parole che fanno il paio con quelle di Roberto Fiore che a ilfattoquotidiano.it spiega che “il popolo italiano non è più antifascista ormai da anni” e oggi “c’è un vento fortissimo, di patriottismo cristiano, che non può non entrare con forza nell’Europa occidentale”. Il nuovo fascismo non è un fenomeno solo italiano, lo abbiamo visto e sentito nei mesi scorsi e nel passato recente. I recenti risultati elettorali in Austria, Germania, Olanda, Polonia, Ungheria parlano di un effettivo fermento nell’area della destra estrema.

Il vento identitario, nazionalista e sovranista spira forte ovunque e nel nostro Paese ha assunto forme diverse. Sono in molti a contendersi l’ampio consenso che si è aperto sul fronte anti-immigrazione. A diversi livelli: il populismo della Lega di Salvini, è solo il primo step. Di un percorso di costruzione del consenso sulla paura che porta, già alle prossime elezioni, a Casapound, ma che prosegue fino alle iniziative “estreme” di Forza Nuova.

(Immagini originali di Angela Gennaro, Simone Bauducco, Elena Peracchi)

Si ringraziano Sky Tg24 e Piazzapulita – La7 per la concessione di immagini d’archivio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Macerata, Luca Traini resta in carcere e ai magistrati dice: “Non sono pentito. Il mio obiettivo erano neri che spacciano droga”

next
Articolo Successivo

Neofascismi. Pajata e braccia tese: dai ragazzi-bene di Roma Nord alle periferie rabbiose, ecco l’anima nera della Capitale

next