Un gruppo di estremisti di destra, dell’associazione Veneto fronte skinhead, ha fatto irruzione interrompendo l’assemblea della rete di associazioni Como senza frontiere. Lo denuncia, con una nota (e un video pubblicato sul canale di Ecoinformazione Arci)  la federazione provinciale di Rifondazione comunista. “Un gruppo di fascisti ha fatto irruzione e ha obbligato la platea all’ascolto della lettura di un volantino delirante sul tema della cosiddetta invasione“.  L’incontro si stava tenendo al chiostrino di Sant’Eufemia. “Da tempo – si legge nella nota di Rc – denunciamo una pericolosissima deriva di stampo fascista a Como, in Lombardia, in Italia ed in Europa e purtroppo spessissimo sottovalutata dalle istituzioni”.  Non si sono comunque registrati problemi di ordine pubblico, il gruppo neofascista ha lasciato il chiostrino pochi minuti dopo l’irruzione. “Hanno cercato di intimidirci ma non ci sono riusciti – è il commento della portavoce di Como senza frontiere Annamaria Francescato riportata da QuiComo – Abbiamo ricevuto moltissimi messaggi di solidarietà che confortano il nostro operato. Di certo non cambieremo nulla rispetto alle nostre attività e continueremo la nostra battaglia antifascista”.  Sull’evento è in corso un’attività investigativa per identificare tutti i componenti dell’associazione ‘Veneto Fronte Skinheads‘ presenti. Tutti verranno denunciati all’autorità giudiziaria per il reato di violenza privata. Il video diffuso sul web ha consentito alla Digos di identificare già quattro dei partecipanti al blitz.

video di Ecoinformazioni Arci

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Polizia penitenziaria, sindacati e M5s contro il decreto Madia: “Tagliati 600 posti ma ne mancavano già più di 1000”

prev
Articolo Successivo

Litiga con il tassista e gli stacca il lobo dell’orecchio a morsi. L’aggressione in un video delle telecamere di sicurezza

next