Lo hanno arrestato nella notte a Cutro ed è il terzo dei quattro fratelli Sarcone residenti a Bibbiano, in provincia di Reggio Emilia, a finire in carcere con l’accusa di associazione mafiosa. E’ Carmine Sarcone, 39 anni, accusato di essere il reggente a piede libero della cosca collegata alla famiglia Grande Aracri della quale suo fratello Nicolino era il capo indiscusso a Reggio. Almeno fino alla notte del 28 gennaio 2015, quando la più grande operazione contro la ‘ndrangheta nella storia del paese diede il via al maxi processo Aemilia con 117 arresti. A Nicolino sono stati confermati nell’appello del rito abbreviato 15 anni di reclusione mentre l’altro fratello in carcere è Gianluigi, che attende la sentenza del rito ordinario in solitudine, dopo aver chiesto ed ottenuto a fine 2017 di essere separato dagli altri detenuti con i quali condivideva le celle della casa circondariale.

A prelevare Carmine Sarcone nell’appartamento della suocera hanno provveduto nelle prime ore di martedì 23 gennaio i Carabinieri coordinati dal Comando di Modena, su ordine della Direzione Antimafia di Bologna; l’arresto rientra in una operazione di vasta scala che coinvolge anche i Carabineri di Piacenza e di Crotone. Sono state in particolare compiute decine di perquisizioni in diverse province del nord e del sud alla ricerca di armi. Le indagini sono coordinate dal Procuratore Distrettuale di Bologna Giuseppe Amato e dai due Pubblici Ministeri del processo Aemilia, Marco Mescolini e Beatrice Ronchi, che hanno raccolto le testimonianze dei collaboratori di giustizia Antonio Valerio e Salvatore Muto da cui prende avvio l’operazione. Due fiumi in piena, Valerio e Muto, a proposito dei quattro fratelli Sarcone, tutti ritenuti uomini di ‘ndrangheta senza fare distinzioni tra chi era in galera e chi no.

Dice Valerio negli interrogatori del 30 giugno e dell’8 settembre: “Carmine è alla pari dei fratelli, anche se è quello più piccolo. E’ la faccia, diciamo, bella della famiglia. Mentre Gianluigi è quella intelligente. Peppe (il quarto fratello, tuttora libero) è il topo, quello che va ad indagare, d’avamposto, mentre Nicolino è la testa criminale della famiglia. Anche se Carmine non è da meno, perché so poi che partecipò giù a Cutro all’omicidio Dragone come vedetta”. Poi precisa: “Ha partecipato nel 2004 all’omicidio di Dragone e di Ciampà. Fece da staffetta in quegli omicidi lì”.

Un’altra pesante accusa ai due fratelli in libertà la lancia Salvatore Muto riferendo le cose che gli diceva il capo di Cremona e Piacenza Francesco Lamanna. L’interrogatorio è quello dell’11 ottobre: “Sapevo che Giuseppe Sarcone (detto Peppe) era già affiliato dai vecchi tempi e Carmine Sarcone era stato affiliato all’epoca della operazione Scacco Matto. Lamanna dice che il più intelligente era Carmine, che è uno che quando parla sa parlare e si sa spiegare. Parla poco, ma quelle poche parole che dice, le dice giuste. Lui è stato l’ago della bilancia dei Sarcone, perché dal momento che sono stati arrestati sia Nicolino che Gianluigi, c’erano i fatti criminosi, rapine, truffe, spaccio, che se ne occupava Carmine. Lui gestiva e ha tenuto vive le conoscenze; ha fatto valere il suo cognome a Reggio Emilia. Perché non è che i Sarcone erano arrestati e nessuno comandava della famiglia Sarcone. Loro svolgevano l’attività normalmente. E questo l’ha fatto Carmine Sarcone”. Basterebbero queste parole, che fanno riferimento anche agli anni meno recenti dell’inchiesta Edilpiovra, quando Nicolino finì in galera, a giustificare il binocolo puntato dalla direzione Antimafia verso Carmine.

Ma Antonio Valerio dei quattro fratelli Sarcone torna a parlare diverse volte sia nelle deposizioni ai pm che in aula, dipingendoli come un gruppo assolutamente compatto, che incuteva timore e reverenza, nel quale ognuno rappresentava la famiglia al di là delle specifiche attitudini. Non una famiglia qualsiasi; la più importante a Reggio Emilia, come precisa il 6 settembre: “I fratelli Sarcone hanno il comando su Reggio Emilia a livello ‘ndranghetistico, e sotto l’aspetto criminale sono un tutt’uno. Viene un casalese, viene chi so io, si deve rivolgere a Nicolino.” Rivolgersi in questo caso significa riconoscere il potere di controllo della famiglia sul territorio.

“Tutti e quattro?” chiede il Pubblico Ministero Beatrice Ronchi. “Tutti e quattro” risponde Valerio “e assieme a loro c’era il Diletto (Alfonso, già condannato nel rito abbreviato) che ricopriva la parte della Bassa reggiana e di Parma”. Aggiunge ancora Valerio che sono i quattro fratelli Sarcone senza distinzione ad avere “…come dire, egemonia. Ad avere ‘sta nomea che quando si presentavano erano loro, e giustamente sulle persone creavano simpatia, creavano massa, creavano sudditanza, creavano di tutto e di più: cioè tutto quello che può creare una persona autoritaria e autorevole. Loro questa forza qua la trasmettevano agli altri, la facevano percepire e la percepivano. E chi collaborava con loro sapeva con chi aveva a che fare. E cosa doveva fare”.

Di questo gruppo di famiglia autorevole e coeso Carmine Sarcone è il più giovane e per Valerio “fa parte di quella ‘ndrangheta più evoluta, più elettronica, più tecnologica” dei giorni nostri. Lui non ha fatto parte del primo periodo e della stagione di sangue del ’92 quando i fratelli erano già attivi, ma nel “2000 ha cominciato ad entrarci dentro in modo più diretto nelle cose, nella ‘ndrangheta. Carmine non è ladro come Peppe, è più… fighettino, più delicato nelle cose, più sofisticato… Però l’usura se la faceva. E come!”.

Le indagini disposte dopo queste testimonianze hanno dimostrato “la gestione diretta dell’attività e del patrimonio illecito” da parte di Carmine Sarcone e la partecipazione alle riunioni tra gli esponenti della consorteria durante le quali, secondo gli inquirenti, erano pianificati i crimini della cosca e venivano prese le decisioni per mantenerla e rafforzarla. Carmine avrebbe inoltre avuto il ruolo di rappresentante dei fratelli detenuti, con compiti direttivi, e il compito di dirimere i contrasti interni alla struttura. Sono emersi anche “continui scambi di informazioni” tra esponenti detenuti e in libertà, attraverso colloqui in carcere con i parenti. Infine le indagini hanno permesso di raccogliere elementi indiziari sempre contro Carmine Sarcone sui tentativi di indottrinare e minacciare alcuni testimoni del processo Aemilia.

Tre membri su quattro della famiglia di ‘ndrangheta che comandava con base a Bibbiano, culla del parmigiano reggiano, il cui sindaco Andrea Carletti è stato il primo in provincia a costituirsi parte civile, sono ora dietro le sbarre. Ai primi di febbraio inizierà la requisitoria finale dell’accusa ma le indagini di Aemilia, pare di capire, non finiscono qui.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mafia, la Cassazione annulla con rinvio la sentenza sull’ex senatore D’Alì. In Appello era stato assolto e prescritto

prev
Articolo Successivo

‘Ndrangheta, il pentito: “Tutti i sindaci di Cirò Marina hanno sempre avuto il nostro appoggio. E poi ci regalavano case”

next