“La Galleria era il salotto di Napoli, adesso ne è diventata il gabinetto“. Non nasconde la sua amarezza Antonio Barbaro, titolare dell’omonima storica boutique all’interno della Galleria Umberto I di Napoli, uno dei siti principali della città tra via Toledo e il Teatro San Carlo, a pochi passi da piazza del Plebiscito.

Un monumento “abbandonato a se stesso”, spiega Barbaro, commentando il video nel quale si vedono esponenti di una baby gang che tormentano un clochard che dormiva proprio in Galleria. Barbaro è anche noto anche per essere stato “per 33 anni” promotore dell’allestimento dell’Albero dei desideri, un grande albero di Natale al centro della Galleria sul quale i napoletani attaccavano bigliettini con propositi e speranze per l’anno nuovo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Baby gang, due fermati a Roma. A Potenza individuati in quattro: nel raid si tenevano in contatto con ricetrasmittenti

prev
Articolo Successivo

L’uomo che sgozzò una donna in un parco a Milano potrebbe essere questo. Il video divulgato per aiutare le indagini

next