“So’ contento pe’ na cosa, che è finito ‘sto scempio. Sta settimana m’hanno massacrato i giornalisti“, diceva domenica sera, giorno delle elezioni a Ostia, Roberto Spada in una diretta Facebook sul suo profilo, dialogando con amici e parenti. “So’ contento che è finita sta settimana, che è cinque (novembre, ndr). Li trovavamo da tutte le parti (i giornalisti, ndr)…davanti alla palestra… – diceva – giuro è stata una settimana massacrante…come se lo decido io la gente quello che deve fa’…”. E ancora “M’hanno preso a me come se so’ candidato, mortacci loro…”, sempre parlando della stampa

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Napoli, aula occupata da collettivi e centri sociali. Cancellato dibattito con D’Alema e Camusso: “Un danno per tutti”

next
Articolo Successivo

Ostia, Roberto Spada fermato per l’aggressione alla troupe di “Nemo”: “Lesioni aggravate da contesto mafioso”

next