“So’ contento pe’ na cosa, che è finito ‘sto scempio. Sta settimana m’hanno massacrato i giornalisti“, diceva domenica sera, giorno delle elezioni a Ostia, Roberto Spada in una diretta Facebook sul suo profilo, dialogando con amici e parenti. “So’ contento che è finita sta settimana, che è cinque (novembre, ndr). Li trovavamo da tutte le parti (i giornalisti, ndr)…davanti alla palestra… – diceva – giuro è stata una settimana massacrante…come se lo decido io la gente quello che deve fa’…”. E ancora “M’hanno preso a me come se so’ candidato, mortacci loro…”, sempre parlando della stampa

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, aula occupata da collettivi e centri sociali. Cancellato dibattito con D’Alema e Camusso: “Un danno per tutti”

next
Articolo Successivo

Ostia, Roberto Spada fermato per l’aggressione alla troupe di “Nemo”: “Lesioni aggravate da contesto mafioso”

next