Ambito tecnico-scientifico: Robotica e futuro tra istruzione, ricerca e mondo del lavoro
La robotica è entrata a far parte del quotidiano e il suo sviluppo non sembra arrestarsi. Ma dov’è – se c’è – il limite? E quali sono gli scenari che si aprono? “Da un lato mi piace perché non si trattano i soliti temi triti e ritriti come i vaccini o il global warming”, sottolinea Alfonso Lucifredi, divulgatore scientifico e autore del libro A cosa pensava Darwin?. Ma forse si tratta di un argomento troppo audace: “Temo che i maturandi ne sappiano poco e che non abbiano i mezzi necessari a parlarne in maniera approfondita”, sottolinea. Un argomento interessante, certo, ma di cui si parla ancora poco sui banchi di scuola: “Credo che le loro uniche fonti derivino dalle letture su internet o dai documentari – sottolinea -, perché la scuola italiana in questo senso non è affatto aggiornata”. Marco Roccetti, professore e coordinatore del PhD in “Data Science” presso l’Università di Bologna, ha apprezzato la proposta del Miur: “Probabilmente i ragazzi non sono pronti a scriverne in maniera approfondita, ma questa è l’occasione per lanciare una discussione sull’argomento”. Secondo il docente, infatti, l’Italia continua a nascondere la testa sotto la sabbia: “Non è una questione di essere giovani o adulti, ma un fatto culturale – sottolinea -, bisogna rendersi conto che le scienze informatiche sono una materia, al pari del latino o della storia”. La chiave del successo sta nel riuscire a combinare in maniera efficace il lavoro delle macchine e quello degli uomini: “La robotica crea inquietudine, ed è normale che sia così, ma non possiamo pensare di fermarne lo sviluppo – spiega -, dobbiamo invece imparare a trovare un punto di collaborazione”. Motivo per cui la scuola, per prima, deve iniziare a parlarne: “I giovani sono più neutrali e quindi più sensibili a questi aspetti, è importante coinvolgerli presto nel dibattito pubblico e questa traccia, forse, è un primo piccolo passo verso l’obiettivo”.

INDIETRO

Maturità 2017, i commenti alla prima prova. “Traccia sulla natura per chi ha tanto da dire”. “Tema su nuove tecnologie a rischio banalità”

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maturità 2017, Giorgio Caproni per l’analisi del testo. Lagioia: “Poco conosciuto, ma è un grande del ‘900”

next
Articolo Successivo

Maturità 2017, tracce e temi della prima prova. Giorgio Caproni per l’analisi (il testo). Tracce su robotica e lavoro, progresso, ricostruzione e miracolo economico

next